CRONACA SARDEGNA - CAGLIARI

momenti di paura

Cagliari, bimbo di sei anni scappa da scuola

Il piccolo è stato ritrovato dai vigili. Aperta un'indagine
vigili a cagliari (archivio l unione sarda)
Vigili a Cagliari (Archivio L'Unione Sarda)

Momenti di grande paura ieri in una scuola elementare del centro città: un bambino di sei anni ha lasciato l'edificio da solo verso le 16, uscendo in strada e sparendo nel nulla per un'ora. Sono stati gli agenti della Polizia locale a ritrovarlo a Castello. Come sia potuto accadere, se ci siano responsabilità e, nel caso, di chi siano verrà chiarito dagli accertamenti dei poliziotti della Municipale nell'inchiesta coordinata dalla Procura per i Minorenni.

Da solo per strada

Sono stati gli agenti della Polizia locale, impegnati in un servizio di controllo alla Marina e Castello, a notare un bambino piccolo in giro da solo. La pattuglia lo ha raggiunto e i poliziotti si sono avvicinati. «Sto tornando a casa», ha riferito il bimbo di sei anni. Ci è voluto un po' per capire cosa fosse accaduto. Gli agenti sono riusciti a scoprire che si era allontanato dalla scuola elementare che frequenta e a risalire anche ai genitori. Il bambino stava bene e, come emerso dai primi accertamenti, avrebbe percorso parecchia strada prima di essere fermato dagli agenti.

L'allontanamento

Dalla scuola non sarebbe stata fatta nessuna segnalazione alle forze dell'ordine per denunciare l'allontanamento dell'alunno. Come è possibile? Sembra che nessuno si sia accorto dell'assenza del bambino anche se deve essere ancora chiarito il momento esatto in cui ha lasciato l'edificio scolastico nel centro storico della città.

Le indagini

Sembra che l'alunno sia uscito prima della fine delle lezioni. Nessuno - né il personale docente, né gli assistenti - avrebbe visto il momento in cui il bambino ha varcato la porta dell'edificio. Non è escluso che il tutto sia avvenuto nelle fasi conclusive della lezione, quelle che precedono l'uscita. Ma anche nel caso che l'allontanamento sia avvenuto alla fine della scuola, le insegnanti devono sincerarsi che il bambino sia con i genitori o con una persona delegata dai familiari. Nella vicenda però ci sono ancora troppe cose poco chiare: perché non sono state avvisate le forze dell'ordine, quando ci si è accorti che un bambino di sei anni era sparito nel nulla? Non lo ha fatto la scuola, ma nemmeno i genitori almeno secondo le prime verifiche effettuate dalla Polizia locale impegnata nelle indagini di questa delicata vicenda.

Testimoni

Gli agenti dovranno dunque sentire il personale della scuola elementare: dal dirigente agli insegnati per arrivare ai collaboratori scolastici. E ovviamente verranno ascoltati anche i genitori del bambino. Solo alla fine di questi accertamenti si potranno valutare le eventuali responsabilità e la Procura per i minorenni potrà prendere le sue decisioni. Resta inoltre da capire come sia possibile che nessuno abbia notato un bambino così piccolo in giro, da solo, nelle strade della città. Nessuno si è avvicinato al piccolo e nessuno si è sentito in dovere di chiamare le forze dell'ordine. Per fortuna la vicenda si è conclusa con il lieto fine: il bambino è stato affidato ai genitori in ottimo stato di salute.

Matteo Vercelli

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...

}