CRONACA SARDEGNA - CAGLIARI

i dati istat

Incidenti, in Sardegna 71 morti e 5.300 feriti in un anno: ecco le strade più pericolose

Il costo sociale dei sinistri è di 373 milioni di euro
un incidente stradale in sardegna (archivio l unione sarda)
Un incidente stradale in Sardegna (Archivio L'Unione Sarda)

Nel 2019 in Sardegna si sono verificati 3.633 incidenti stradali che hanno causato la morte di 71 persone e il ferimento di altre 5.374.

Sono i dati diffusi sull'Istat sui sinistri avvenuti sulle strade, che registra anche un aumento del 5% dei casi e del 6,5% dei feriti. Si riduce, invece, il numero dei morti (- 32,4%).

Guardando alle province dell'Isola, il numero maggiore di incidenti si è registrato nel Sassarese, 1390, che detiene, insieme al Sud Sardegna, anche il triste primato del maggior numero di morti (17).

Per quanto concerne l'incidenza degli utenti vulnerabili per età (bambini, giovani e anziani), deceduti in incidente stradale, in Sardegna il dato è inferiore alla media nazionale (36,6% contro 45,2%).

Per quel che riguarda invece agli utenti vulnerabili secondo il ruolo che essi hanno avuto nell'incidente (conducenti/passeggeri di veicoli a due ruote e pedoni) il loro peso relativo (sul totale dei deceduti) misurato nell'Isola è inferiore nel 2019 a quello nazionale (38% contro 49,6%). Negli ultimi nove anni (2010-2019), però, l'incidenza di pedoni deceduti è aumentata in Sardegna da 10,4% a 14,1%, nel resto del Paese da 15,1% a 16,8%.

L'Istat ha analizzato anche il costo dell'incidentalità con danni alle persone, che è stimato in quasi 17 miliardi di euro per l'intero territorio nazionale (279,5 euro pro capite) e in più di 373 milioni di euro (228,5 euro pro capite) per la Sardegna.

Tra le strade sarde ritenute "più pericolose", la Statale 131, con 6 decessi e 351 feriti e l'indice di mortalità pari a 2,5 in calo rispetto al 2017 (5,5). Poi la SS125 con 6 morti vede passare l'indice di mortalità da 4,7 nel 2018 a 5,7 nel 2019. Spicca anche la SS129 con l'indice di mortalità pari a 9,8 e 4 decessi.

L'indice di mortalità cresce nei comuni di Siniscola, Tertenia, Bolotana e Burcei, diminuisce a Olbia, Quartu S.Elena e Sanluri.

Indice azzerato, invece, nei comuni di Arzachena, Assemini, Villaputzu, Villaspeciosa, Sant'Andrea Frius e Fordongianus.

Infine, secondo il focus, nel 2019 il maggior numero di incidenti (2.173, il 59,8% del totale) si è verificato sulle strade urbane, provocando 23 morti (32,4% del totale) e 2.985 feriti (55,5%) e soprattutto nei periodi estivo e autunnale in coincidenza con la maggiore mobilità legata a periodi di vacanza.

(Unioneonline/l.f.)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...

}