ECONOMIA

l'allarme

Campeggi, i gestori sardi: "Regole di sicurezza impossibili da applicare"

Nicola Napolitano, presidente Faita: "Occorre rivedere le disposizioni e trovare norme condivise"
immagine simbolo (pixabay com)
Immagine simbolo (Pixabay.com)

"Le linee guida adottate dalla Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome il 22 maggio, delineano una serie di indicazioni per i gestori dei campeggi, che risultano di difficilissima applicazione".

E' l'allarme lanciato da Nicola Napolitano, presidente di Faita Federcamping Sardegna, associazione che raggruppa il 50% delle strutture nell'isola.

"È impossibile ad esempio per i gestori farsi garanti delle regole di distanziamento interpersonale di almeno un metro in tutte le aree comuni con la 'sorveglianza dei distanziamenti minimi da parte del personale incaricato', così come si legge nel documento adottato dalle Regioni. I gestori non possono farsi carico delle indicazioni contenute nel provvedimento - continua il presidente -, e risulta improponibile effettuare una sorveglianza capillare su tutta l'area del campeggio, che come si sa è molto estesa e racchiude diversi attrattive o servizi. Per questo, chiediamo che un controllo sanitario che accerti l'assenza del virus venga fatto a monte, magari all'arrivo dei turisti nei porti e aeroporti".

Trattandosi inoltre di provvedimenti che gravano su una situazione economica già difficile da sostenere, la Faita chiede "il massimo coinvolgimento nelle decisioni che ci riguardano. Convinti che nel riprogrammare la ripartenza, sia necessaria la massima condivisione".

(Unioneonline/l.f.)

© Riproduzione riservata

COMMENTI

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...