CRONACHE DALLA SARDEGNA

Portoscuso, dopo il latte alla diossina
Arriva il divieto di macellazione carni

Dopo il latte di pecora al piombo e il latte di capra alla diossina, ora sta per arrivare un'ordinanza del sindaco di Portoscuso che vieta la macellazione e la commercializzazione delle carni di alcuni allevamenti.
capre al pascolo
Capre al pascolo

La denuncia arriva dal consigliere regionale di Forza Italia, Ignazio Locci. "E' in arrivo - dice in un comunicato - un'ordinanza comunale di divieto di macellazione e commercializzazione delle carni di alcuni allevamenti del territorio di Portoscuso contaminate da agenti inquinanti, sostanze già riscontrate nei prodotti caseari di diverse aziende zootecniche presenti nel territorio comunale".

A riguardo poi accusa: "Tutto accade mentre gli assessorati regionali competenti mostrano un disinteresse disarmante e lasciano al Comune l'incombenza di affrontare, da solo e con le proprie risorse, un problema che ormai sta assumendo contorni sempre più drammatici".

L'allarme è scattato ieri quando l'Asl 7 ha comunicato all'Amministrazione comunale di Portoscuso la presenza di sostanze nocive in alcuni allevamenti di carni e ha imposto al sindaco Giorgio Alimonda di emanare un'ordinanza di divieto di macellazione e commercializzazione delle carni contaminate.

"Riguardo alla dolorosa vicenda degli alimenti compromessi - sottolinea ancora Locci - gli assessorati regionali all'Agricoltura e alla Sanità mostrano un immobilismo senza precedenti. È inaccettabile che gli allevatori interessati dalle ordinanze comunali vengano lasciati soli e siano costretti ad assistere impotenti all'azzeramento del proprio reddito". Infine la richiesta: "La Giunta regionale deve intervenire al più presto fornendo sostegno all'amministrazione comunale di Portoscuso e istituendo un fondo di solidarietà per gli allevatori, senza attendere che il Consiglio regionale discuta le mozioni presentate sul tema. Francesco Pigliaru e i suoi assessori si mettano subito al lavoro: sono ormai in carica da circa tre mesi ed è arrivato il momento che si diano da fare".


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...

}