CRONACA - ITALIA

Cucchi, carabiniere confessa: "Lo abbiamo pestato". Il ministro Trenta: "Devono pagare"

ilaria mostra la foto del fratello stefano (ansa)
Ilaria mostra la foto del fratello Stefano (Ansa)

Clamoroso colpo di scena nel processo sulla morte di Stefano Cucchi, il giovane morto il 22 ottobre 2009 nell'ospedale Pertini di Roma, sei giorno dopo l'arresto per detenzione di droga da parte dei carabinieri che, secondo l'accusa, l'avrebbero brutalmente picchiato.

Uno dei cinque carabinieri imputati ha confessato e accusato gli altri quattro colleghi.

La notizia l'ha data il pm Giovanni Mussarò nel corso dell'udienza. Davanti alla corte d'Assise ha rivelato come, il 20 giugno scorso, Francesco Tedesco abbia presentato una denuncia in procura sulla vicenda, in seguito alla quale è stato sentito tre volte dagli inquirenti.

Il militare ha chiamato in causa tutte le persone imputate nel processo, due in particolare per essere gli autori materiali del pestaggio. "Alessio Di Bernardo e Raffaele D'Alessandro furono gli autori del pestaggio, Roberto Mandolini sapeva fin dall'inizio quanto accaduto e Vincenzo Nicolardi, quando testimoniò nel primo processo, mentì perché sapeva tutto e ne aveva parlato precedentemente con me", ha dichiarato Tedesco stando a quanto riferito dal pm.

LA TESTIMONIANZA - Fu un'azione "combinata", ha spiegato il militare. "Cucchi iniziò a perdere l'equilibrio per il calcio di D'Alessandro, poi la forte spinta di Di Bernardo provocò una violenta caduta sul bacino. D'Alessandro poi lo colpì con un calcio in faccia mentre era sdraiato a terra".

E ancora: "Dissi loro di fermarsi. 'Basta, che ca... fate, non vi permettete', mentre uno colpiva Cucchi con uno schiaffo violento in volto e l'altro gli dava un forte calcio con la punta del piede", si legge ancora nel verbale di interrogatorio datato 9 luglio 2018.

Poi nove anni di silenzio per Francesco Tedesco: "Quando dovevo essere sentito dal pm, il maresciallo Mandolini non mi minacciò esplicitamente, ma mi fece capire che non potevo dire la verità. 'Tu gli devi dire che stava bene, che non è successo niente', mi disse. All'inizio temevo ritorsioni, avevo paura per la mia carriera, e sono stato zitto per anni. Poi mi sono reso conto che il muro si stava sgretolando".

Stefano Cucchi con la mamma (Ansa)
Stefano Cucchi con la mamma (Ansa)

I CINQUE IMPUTATI E LA RELAZIONE SPARITA - Mandolini e Nicolardi sono accusati di calunnia (nei confronti degli agenti di polizia penitenziaria che vennero accusati nel corso della prima inchiesta), gli altri tre militari (compreso Tedesco) di omicidio preterintenzionale e abuso di autorità. Lo stesso Tedesco è accusato anche di falso nella compilazione del verbale d'arresto del giovane e calunnia.

Per la prima volta, dunque, uno degli imputati ammette che il pestaggio è realmente accaduto.

Emerge inoltre il dettaglio di un'annotazione di servizio redatta dallo stesso Tedesco il giorno della morte di Cucchi e inviata alla stazione Appia dei carabinieri. Del documento, "assolutamente importante per la ricostruzione dei fatti", non c'è più traccia.

ILARIA - "Processo Cucchi. Udienza odierna ore 11.21. Il muro è stato abbattuto. Ora sappiamo e saranno in tanti a dover chiedere scusa a Stefano e alla famiglia Cucchi", è il commento della sorella Ilaria, che da anni porta avanti la sua battaglia per la verità.

Matteo Salvini - spesso critico con la sorella del giovane romano - ha invitato i familiari di Stefano al Viminale: Sono i benvenuti. Eventuali reati o errori di pochissimi vanno puniti con la massima severità, ma ciò non può mettere in discussione professionalità e eroismo quotidiani di centinaia di migliaia di ragazze e ragazzi in divisa", ha twittato il ministro.

Il tweet del ministro

È arrivato poi il commento del ministro della Difesa Elisabetta Trenta: "Quanto accaduto a Stefano Cucchi era inaccettabile allora e lo ancor di più oggi, che sono emersi nuovi elementi scioccanti. Mi auguro che la giustizia faccia al più presto il suo corso e definisca le singole responsabilità. Chi si è macchiato di questo reato pagherà, ve lo assicuro".

Ancora, ha aggiunto il ministro: "Lo voglio io, lo vuole questo governo e lo vuole tutta l\'Arma dei Carabinieri, che merita rispetto. Ho la massima fiducia verso il Comando Generale e sono vicino alla famiglia di Stefano, ai suoi amici e ai suoi cari".

L'AVVOCATO DEL MILITARE - "Questo è uno snodo significativo per il processo ed è anche un riscatto per il mio assistito e l'intera Arma dei Carabinieri", ha affermato Eugenio Pini, difensore del carabiniere Francesco Tedesco. "Gli atti dibattimentali e le ulteriori indagini - ha aggiunto - individuano nel mio assistito il carabiniere che si è lanciato contro i colleghi per allontanarli da Cucchi, l'uomo che lo ha soccorso e difeso. Ma soprattutto, quello che ha denunciato la condotta al suo superiore e alla Procura, scrivendo un'annotazione di servizio che non è mai giunta in Procura". Poi Tedesco, afferma l'avvocato, è stato "costretto al silenzio contro la sua volontà".

(Unioneonline/L)

IL FILM

***

© Riproduzione riservata


UOL Unione OnLine

COMMENTI

Sottoscrivi l'unione sarda
abbonati a L'Unione Sarda'
PIÙ LETTI
Loading...
Caricamento in corso...