CRONACA SARDEGNA - SASSARI E PROVINCIA

Porto Torres, il sindaco avverte le mamme: "Non siate precipitose nei vaccini"

vaccini
Vaccini

"Care mamme non siate precipitose nelle vaccinazioni, soprattutto voi che avete già delle situazioni complicate".

Un chiaro invito del sindaco di Porto Torres Sean Wheeler, - massima autorità sanitaria locale - ai genitori di figli autistici.

Il messaggio vocale è stato inviato in una chat di Whatsapp creata appositamente per comunicare con le famiglie beneficiarie dei contributi della legge 20 che contempla i casi di bambini affetti da gravi patologie psichiatriche.

Un filo diretto tra il primo cittadino e un gruppo di mamme che mostrano contrarietà al Dl 73 convertito con la legge 119 del 31 luglio 2017 (che impone la vaccinazione per poter iscrivere i bambini a scuola), con un'indicazione anti-vaccini.

Altre mamme, inoltre, protestano per la mancanza di informazioni sufficienti sugli effetti dei singoli vaccini. "La legge al momento vi richiede anche una autocertificazione - aggiunge il sindaco nel messaggio audio - quindi chiedete alla Asl un appuntamento, fatevi dare tutte le informazioni relative alle vostre specifiche situazioni, cercate di fugare qualsiasi dubbio voi possiate avere e richiedete in particolare di praticare il test immunologico prima di qualsiasi iniezione vaccinale, soprattutto per quei casi di patologia genetica".

Molte mamme della chat sposano questa prudenza: "Ho due figli che ho vaccinato, uno di questi è autistico e un terzo che ha la sindrome di George. Non sono no Vax ma sono contraria alla obbligatorietà perché ci vorrebbero delle analisi pre-vaccinali per capire lo stato di salute dei bambini e il loro sistema immunitario sul quale il vaccino potrebbe produrre dei danni".

IL PRIMO CITTADINO - Il sindaco Wheeler dice di avere ricevuto diversi messaggi da parte di genitori, preoccupati per la salute dei loro figli, affetti da gravi patologie, in merito alle vaccinazioni.

"Ho rivolto loro un invito a informarsi - spiega - e recarsi presso le autorità sanitarie".

Sulla frequenza a scuola il rispetto dell'obbligo costituisce requisito d'accesso a nidi e materne (quindi nella fascia d'età da 0 a 6 anni).

"Sulla questione della frequenza mi sto adoperando - comunica il sindaco nella chat - sto studiando una serie di questioni e cercherò di garantire nei limiti del possibile la frequenza ai bambini. Avete già una grande serie di problemi, non siate precipitosi".

LA LEGGE SUI VACCINI:

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...

}