#CARAUNIONE

La lettera del giorno

"Un Paese senza scuola è un Paese che ha fallito"

"Prima della didattica a distanza, perché non valutare altre alternative praticabili?"
(www pixabay com)
(www.pixabay.com)

"Cara Unione,

la variante inglese del Covid è molto più contagiosa e infetta maggiormente i bambini che, come purtroppo si sta constatando in queste ore, non solo la veicolano, ma ne subiscono i sintomi, a volte molto gravi.

E così in molti corrono ai ripari, come la Campania che ha decretato la chiusura di tutte le scuole di ogni ordine e grado.

Ma se la didattica a distanza è l'ultima spiaggia considerabile, non si sarebbero prima potuti abbassare notevolmente i rischi, dimezzando le classi in due turni, garantendo un reale distanziamento, eliminando la mensa in presenza?

Quello che poi appare sorprendente è che laddove le scuole per precauzione chiudono, quelle dell'infanzia e i nidi restano spesso aperti, quasi come se in queste fasce di età il virus non circolasse. E senza alcun rispetto per gli insegnanti esposti a considerevoli rischi.

La scuola è dunque il luogo in cui costruire un sapere collettivo in una comunità educativa, che sa riflettere e crescere, o un parcheggio, anche a basso costo?

Speriamo arrivino in merito soluzioni immediate e concrete. Perché un Paese senza scuola è un Paese che ha fallito.

Grazie dell'attenzione".

A.M.

***

Potete inviare le vostre lettere, segnalazioni e contenuti multimediali a redazioneweb@unionesarda.it specificando il vostro nome e cognome e un riferimento telefonico. Nell'oggetto dell'email chiediamo di inserire la dicitura #CaraUnione.

(La redazione si limita a dar voce ai cittadini che esprimono opinioni, denunciano disservizi o anomalie e non necessariamente ne condivide il contenuto)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...

}