#CARAUNIONE

La lettera del giorno

"A Selargius arrivano i nuovi banchi, e la scuola chiude per sistemarli"

"In un anno così particolare e dove ogni giornata di didattica in presenza è più che mai preziosa, mi chiedo se questo sia il diritto allo studio garantito ai nostri studenti"
immagine simbolo (ansa)
Immagine simbolo (ansa)

"Cara Unione,

il sindaco del comune di Selargius ha pubblica un’ordinanza con oggetto 'chiusura scuola primaria e secondaria di 1 grado Istituto Su Planu (Selargius) per posizionamento banchi nuovi e ritiro arredi scolastici': chiusura prevista per le giornate del 23, 24 e 25 novembre.

I banchi in questione sono i famosi banchi monoposto che sono stati consegnati alla scuola il 26 ottobre e da allora parcheggiati in palestra in attesa di essere sistemati nelle aule.

Nel frattempo i ragazzi delle medie che, per motivi di spazi ridotti nelle aule, stanno frequentando dall’inizio dell’anno scolastico a giorni alterni (solo 15 ore a settimana) con notevole perdita in termini di didattica e notevoli disagi per le famiglie, anziché poter iniziare regolarmente le lezioni su 6 giorni settimanali devono aspettare che la ditta incaricata dal Comune posizioni i banchi, con tutta calma, il 23 e il 24.

Non solo, tutta la scuola verrà chiusa per questa complicatissima operazione. Ora io mi chiedo: quale altro comune ha chiuso un intero istituto per far sistemare dei banchi nelle aule? Ma come è possibile che un sindaco possa pensare che questa sia una soluzione idonea? Io mi chiedo se abbia valutato valide alternative.

In un anno così particolare dove ogni giornata di didattica in presenza è più che mai preziosa, questo è il diritto allo studio che viene garantito agli studenti dell’Istituto comprensivo di Su Planu?

Grazie dell'attenzione"

M.M.*

(*le generalità, a conoscenza della redazione, vengono omesse nel rispetto della privacy e secondo la normativa vigente)

***

Potete inviare le vostre lettere, segnalazioni e contenuti multimediali a redazioneweb@unionesarda.it specificando il vostro nome e cognome e un riferimento telefonico. Nell'oggetto dell'email chiediamo di inserire la dicitura #CaraUnione.

(La redazione si limita a dar voce ai cittadini che esprimono opinioni, denunciano disservizi o anomalie e non necessariamente ne condivide il contenuto)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...

}