#CARAUNIONE

La lettera del giorno

"Mi dicevano di curarmi altrove, ma la sanità sarda funziona"

Il racconto di una lettrice che ha affrontato nell'Isola le cure oncologiche e di chirurgia "ricostruttiva"
intervento di chirurgia al policlinico casula (foto aou cagliari)
Intervento di chirurgia al policlinico Casula (foto AOU Cagliari)

"Cara Unione,

scrivo per rendere testimonianza di come, anche in Sardegna e a dispetto di quello che spesso è il comune sentire, vi siano esempi di eccellenza nella sanità.

Sono stata operata il 16 settembre scorso dall'equipe della struttura complessa di Chirurgia Plastica e Microchirurgia del Policlinico Duilio Casula, direttore il professor Andrea Figus.

Si è trattato di un intervento di ricostruzione al seno denominato "Diep flap", cioè con il prelievo di lembi dall'addome, una tecnica innovativa di cui il professor Figus è uno dei massimi esperti a livello internazionale, e nella quale la AOU di Cagliari è capofila in Italia e tra i centri più conosciuti in Europa.

Quando a luglio dello scorso anno ho scoperto di avere un tumore infiltrante al seno, in tanti mi hanno consigliato di lasciare la Sardegna per farmi curare a Milano o a Roma. Ma io credo fermamente nella sanità sarda, in quelle donne e in quegli uomini che, pur avendo migliori occasioni professionali e migliori strutture nel continente o, come nel caso del professor Figus, all'estero, scelgono di tornare nella loro 'terra' per dare come in questo caso una possibilità alle donne sarde di evitare viaggi impegnativi alla ricerca di trattamenti ricostruttivi costosi al di fuori dei confini regionali.

La mia esperienza è stata pienamente positiva. Al Policlinico Duilio Casula di Monserrato sono stata accolta e seguita con la massima professionalità, prima negli interventi demolitivi - per i quali un ringraziamento sentito va al dottor Tatti del reparto di Chirurgia - quindi per il recente intervento ricostruttivo, per il quale è doveroso anche ringraziare il dottor Atzeni e tutta l'equipe che mi ha costantemente seguita.

Il mio augurio è che la politica sarda dia la possibilità alla struttura di Chirurgia Plastica e Microchirurgia di lavorare, avendo a disposizione sale operatorie, personale e quant'altro che consentano di operare a pieno regime, riducendo i tempi di attesa per le cittadine e i cittadini sardi.

Un ringraziamento sentito va anche a tutto il personale infermieristico e OSS, per il sorriso e la pazienza con cui assistono le persone ricoverate. E infine un grazie sentito al mio oncologo, il dottor Efisio Mereu, che svolge la sua opera competente, assidua e indispensabile all'ospedale San Camillo di Sorgono, punto di riferimento per tutti i pazienti oncologici del Mandrolisai".

MiriaCucca - Orani

***

Potete inviare le vostre lettere, segnalazioni e contenuti multimediali a redazioneweb@unionesarda.it specificando il vostro nome e cognome e un riferimento telefonico. Nell'oggetto dell'email chiediamo di inserire la dicitura #CaraUnione.

(La redazione si limita a dar voce ai cittadini che esprimono opinioni, denunciano disservizi o anomalie e non necessariamente ne condivide il contenuto)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...

}