#CARAUNIONE

La lettera del giorno

"La scuola non è una spesa, ma un investimento"

La sfida del neo-ministro dell'Istruzione, in un Paese dove esistono lacune grammaticali da terza elementare
immagine simbolo (foto da pixabay)
Immagine simbolo (foto da pixabay)

"Cara Unione,

quelli di noi che hanno un po' di capelli bianchi, ricorderanno la trasmissione televisiva della RAI, 'Non è mai troppo tardi', del maestro Alberto Manzi.

La trasmissione, in onda tra il 1960 e il 1968, dedicata alla lotta all'analfabetismo, ebbe grande successo e riuscì a far prendere la licenza elementare a un milione e mezzo di italiani. L'iniziativa fu riprodotta in ben 72 Paesi.

Al contempo ricordiamo quanto sosteneva Tullio De Mauro, linguista e accademico scomparso nel 2017, per il quale il 70% degli italiani non capisce, o ha comunque difficoltà di comprensione, con riferimento a un testo anche molto semplice.

Torniamo ai giorni nostri, ricordando le prove di quest'anno effettuate dall'Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione (Invalsi), sugli esiti di apprendimento degli studenti relativi all'italiano, alla matematica e all'inglese.

Emerge una differenza netta tra Nord e Sud Italia.

In particolare, in Sicilia, Calabria e Campania il 50% degli studenti arriva alla maturità con l'insufficienza in italiano e in inglese.

Capiamo, così, le difficoltà di un attuale ministro.

Due anni fa, 600 docenti universitari scrissero una lettera al ministro dell'Istruzione e al Parlamento, sollecitando interventi scolastici, poiché gli studenti universitari avevano lacune grammaticali da terza elementare.

Il neo ministro dell'Istruzione, Lorenzo Fioramonti (M5S) ha dichiarato che se non arriveranno soldi entro Natale si dimetterà. Vedremo.

Sarebbe opportuno che l'ottica con la quale si guarda alla scuola cambiasse: l'istruzione non è una spesa ma un investimento. Così, forse, potremmo risalire dal fondo della graduatoria europea".

Primo Mastrantoni, segretario Aduc

***

Potete inviare le vostre lettere, segnalazioni e contenuti multimediali a redazioneweb@unionesarda.it specificando il vostro nome e cognome e un riferimento telefonico. Nell'oggetto dell'email chiediamo di inserire la dicitura #CaraUnione.

(La redazione si limita a dar voce ai cittadini che esprimono opinioni, denunciano disservizi o anomalie e non necessariamente ne condivide il contenuto)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...