#CARAUNIONE

La lettera del giorno

"Quell'incrocio pericoloso a Quartu, quanti incidenti dobbiamo ancora contare?"

La segnalazione di un lettore su una segnaletica che, a suo dire, genera confusione negli automobilisti e conseguenti rischi
la segnaletica
La segnaletica

"Gentile redazione,

mi permetto segnalare una situazione che da anni non viene presa in considerazione per l'eventuale rischio che può comportare a causa del comportamento scorretto della maggior parte degli automobilisti che transitano in zona.

Appena due giorni fa l'ennesimo incidente, fortunatamente senza gravissime conseguenze, all'incrocio tra via Pitz'e Serra e l'innesto in via Autonomia regionale (direzione Flumini).

Ho provato a chiedere all'operatore della Polizia Municipale, intervenuto per i rilievi del caso, se fosse stato possibile, chiedendo a chi di dovere, se si potesse prendere in considerazione la sostituzione del cartello di 'diritto di precedenza' con un segnale di STOP in quanto, a mio parere, più incisivo per chi proviene da via Pitz'e Serra, specificando che quasi nessuno rispetta tale diritto di precedenza e si rischia spesso di scontrarsi con chi si immette in via dell'Autonomia dalle strade laterali ed anche da chi proviene dalla 125.

Sembra che, a suo dire, è il 'regolamento' che prevede tale segnaletica, e che se poi non viene rispettata è colpa degli automobilisti indisciplinati.

Per quanto riguarda lo STOP mia ha riferito che creerebbe soltanto ulteriore congestione.

Con tutto il rispetto dovuto, a me sembra che tali giustificazioni siano opinioni personali ed opinabili e che forse chi è autorizzato a trarne conclusioni logiche dovrebbe prendere in considerazione la segnalazione fatta da un semplice cittadino ma certamente supportato dallo stesso desiderio degli abitanti della zona indicata.

Grazie per l'attenzione e distinti saluti".

Sergio Di Guilmi - Quartu Sant'Elena

***

Potete inviare le vostre lettere, segnalazioni e contenuti multimediali a redazioneweb@unionesarda.it specificando il vostro nome e cognome e un riferimento telefonico. Nell'oggetto dell'email chiediamo di inserire la dicitura #CaraUnione.

(La redazione si limita a dar voce ai cittadini che esprimono opinioni, denunciano disservizi o anomalie e non necessariamente ne condivide il contenuto)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...