FOTOGALLERY - CRONACA SARDEGNA

#AccaddeOggi: 16 maggio 1974, arrestato a Milano Luciano Liggio, la "Primula Rossa di Corleone"

Accadde Oggi
accaddeoggi 16 maggio 1974 arrestato a milano luciano liggio
#AccaddeOggi: 16 maggio 1974, arrestato a Milano Luciano Liggio
i funerali di stato di placido rizzotto dopo il ritrovamento dei suoi resti avvenuto nel 2012
I funerali di Stato di Placido Rizzotto dopo il ritrovamento dei suoi resti, avvenuto nel 2012
la cerimonia per placido rizzotto
La cerimonia per Placido Rizzotto
luciano liggio
Luciano Liggio
salvatore riina uno dei pi stretti collaboratori di liggio
Salvatore Riina, uno dei più stretti collaboratori di Liggio
la notizia dell arresto sulla prima pagina de l unione sarda
La notizia dell'arresto sulla prima pagina de L'Unione Sarda
una delle ultime foto del boss
Una delle ultime foto del boss
la primula rossa di corleone
La "Primula Rossa di Corleone"
di

È il 16 maggio 1974 quando Luciano Liggio, noto come la "Primula Rossa di Corleone" viene arrestato per la seconda volta e finisce in carcere, dal quale non uscirà mai più. Morirà infatti a Badu 'e Carros, a Nuoro, il 15 novembre 1993.
Liggio, anche se il vero cognome era Leggio (a sbagliare nella trascrizione era stato un brigadiere), conosciuto anche come "Lucianeddu", era nato a Corleone nel 1925 e per tutta la sua vita resta legato a Cosa Nostra, affiliato alla cosca locale per mano di uno zio paterno.
Qualche piccolo reato comincia a compierlo quando non ha ancora 20 anni (porto d'armi abusivo, furto), poi viene accusato di un omicidio e, non presentandosi all'udienza, diventa un latitante a partire dal 1948.
Nove anni dopo diventa socio in affari di Gaetano Badalamenti, il numero due della cosca di Cinisi, e i continui screzi con altre fazioni lo portano a essere l'obiettivo di un attentato nel 1958.
Qualcuno gli spara mentre è in una capanna con altre persone, ma Liggio riporta solo qualche ferita di striscio.
Il primo importante arresto arriva il 14 maggio 1964 a Corleone: "Lucianeddu" era nascosto a casa della fidanzata di un sindacalista, Placido Rizzotto, quello che aveva ucciso anni prima.
Le forze dell'ordine lo trovano con un catetere e lui stesso racconta di avere il morbo di Pott.
Portato all'Ucciardone a Palermo, viene poi prosciolto per insufficienza di prove nell'ambito del processo contro i grandi nomi della prima guerra di mafia.
Seguono poi vari spostamenti: prima a Bitonto, in Puglia, poi a Roma per ricoverarsi in una clinica. Mentre è lì, il tribunale di Palermo emette un ordine di custodia cautelare e il 19 novembre 1969 Liggio fugge, rendendosi irreperibile ma partecipando in seguito a varie stragi.
Zurigo, Milano, Catania sono altre delle sue tappe, dove incontra altri boss.
Sul suo nome pesano le accuse per gli omicidi del giornalista Mauro De Mauro, del procuratore Pietro Scaglione, quelle per il sequestro di Antonino Caruso e del figlio di Francesco Vassallo, organizza anche il rapimento di Pietro Torielli (a Vigevano) e del conte Luigi Rossi di Montelera (a Torino), e ancora di Paul Getty III.
Infine, il 16 maggio 1974 finisce di nuovo in manette: è a Milano, in via Ripamonti, insieme alla sua compagna e al loro figlioletto.
Processato, viene condannato all'ergastolo ma anche dal carcere manda indicazioni per uccidere il tenente colonnello Giuseppe Russo.
La morte, per infarto, sopraggiunge nel 1993 mentre si trova a Badu 'e Carros.
La sue spoglie riposano a Corleone.
(Unioneonline/s.s.)
Maggio 2018
Aprile 2018
Marzo 2018
Febbraio2018
Gennaio 2018

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...