SPORT - SPORT DI SQUADRA

Ottava di ritorno

Pallamano A1 femminile, rinviata Casalgrande-Nuoro

Il sindaco barbaricino chiede alla Figh la sospensione del campionato
la ojsolution nuoro e il brixen (foto vanna chessa)
La OjSolution Nuoro e il Brixen (foto Vanna Chessa)

Rinviata a data da destinarsi la gara tra Casalgrande Padana e Hac Nuoro, valevole per l'ottava di ritorno della massima serie femminile di pallamano.

La compagine allenata da Roberto Deiana sarebbe dovuta scendere in campo alle 16.30 in casa delle emiliane, ma in seguito a un confronto tra la Federazione Italiana Handball, Hac e i sindaci di Nuoro e Casalgrande, si è optato per il rinvio con l'obiettivo di tutelare la salute delle atlete chiamate a scendere in campo. "Non possono essere fatte distinzioni tra attività giovanile e senior, così come tra attività dilettantistica a carattere regionale e a livello nazionale", recita la nota diffusa dall'Hac Nuoro.

Accorato l'appello del primo cittadino nuorese, Andrea Soddu, che ha scritto al presidente della Figh, Pasquale Loria, e al segretario Andrea Ruocco chiedendo ai vertici della Federazione di considerare una sospensione del campionato.

Queste le parole del sindaco: "Comunico di aver raccomandato l'OjSolution Nuoro di non spostarsi dalla Sardegna per affrontare la trasferta verso Casalgrande, [...] detta raccomandazione si basa sul l'interpretazione logica sistematica del Dpcm 4 marzo 2020, con il quale viene decretata la sospensione delle manifestazioni che comportano l'affollamento di persone tale da non consentire il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro. [...] Orbene, considerato che sia a Nuoro sia a Casalgrande si sono manifestati dei casi sospetti di infezione da Coronavirus, che le atlete dovrebbero affrontare un viaggio in nave durante il quale non è garantita la sicurezza circa il rispetto delle regole sanitarie di disinfezione sia oggettive sia soggettive e che l'attività agonistica prevista non consente di rispettare le distanze, ho raccomandato all'OjSolution di non intraprendere il viaggio perché potrebbe costituire un pericolo per la salute delle atlete, delle loro famiglie e della comunità intera, perché potrebbero divenire potenziali trasmettitrici del virus Covid19. Nella mia responsabilità di Sindaco di una città, di responsabile della pubblica incolumità e sicurezza della cittadinanza tutta, di cittadino e padre di famiglia, ritengo davvero che tale trasferta possa arrecare un grave pericolo alla nostra comunità ed a quella di destinazione. Nell'auspicio che consideriate questa mia motivata preoccupazione, Vi esorto a tenere conto di dette motivazioni al fine di considerare una sospensione del campionato fino a quando non cesserà l'emergenza sanitaria in corso".

© Riproduzione riservata

COMMENTI

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...