CRONACA - MONDO

Spagna

Uccise cinque gesuiti, ex viceministro di El Salvador condannato a 133 anni

La condanna riguarda il caso conosciuto come "martiri dell'Uca"
(foto www pixabay com)
(foto www.pixabay.com)

L'ex viceministro di El Salvador Inocente Montano è stato condannato oggi dal tribunale dell'Audiencia Nacional a Madrid, in Spagna, a 133 anni e quattro mesi di carcere per l'omicidio di cinque gesuiti spagnoli nel 1989. Lo riporta l'agenzia di stampa Efe.

La condanna riguarda il caso conosciuto come "martiri dell'Uca", con 8 persone uccise il 16 novembre del 1989 all'Università Centroamericana José Simeon Cañas (Uca) di San Salvador.

La sentenza conferma che gli omicidi "furono architettati, pianificati, concordati e ordinati dai membri dell'alto comando delle Forze armate" di cui facevano parte Montano, allora viceministro della Pubblica Sicurezza, e l'allora presidente salvadoregno Alfredo Cristiani, che la giustizia di El Salvador si è rifiutata di consegnare alla Spagna.

La risoluzione condanna l'ex colonnello Montano, unico leader dell'alto comando perseguito per questi eventi in Spagna, in quanto autore di cinque reati di omicidio di tipo terroristico e gli impone una pena di 133 anni di carcere, quattro mesi e cinque giorni. Allo stesso modo, gli vengono attribuiti gli omicidi di un altro gesuita salvadoregno, nonché della cuoca dell'università e di sua figlia di 15 anni.

Tuttavia, Montano non può essere condannato per questi omicidi in quanto non è stato estradato per tali crimini in Spagna dagli Stati Uniti, che lo hanno consegnato alle autorità iberiche nel 2017.

Secondo i giudici, Montano partecipò alla decisione con cui "è stato trasmesso l'ordine di realizzare le esecuzioni al colonnello direttore della Scuola militare" Guillermo Benavides, un dirigente intermedio che è l'unico condannato in El Salvador per la vicenda. Tuttavia, il tribunale spagnolo va oltre e considera che gli omicidi siano stati commessi dagli stessi apparati statali, "fatto che viene comunemente definito 'terrorismo di Stato'", attraverso un gruppo composto dall'allora Presidente della Repubblica Alfredo Cristiani e dagli ufficiali che occupavano le più alte strutture di potere in El Salvador.

(Unioneonline/v.l.)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...

}