CRONACA - MONDO

Lo studio

"Nel 2100 ci saranno 2 miliardi di persone in meno": la previsione che scuote il mondo

Secondo i ricercatori, Paesi come l'Italia potrebbero vedere dimezzata la propria popolazione
times square a new york (foto wikimedia)
Times Square a New York (foto wikimedia)

Nel 2100 la Terra ospiterà 8,8 miliardi di persone, e dunque ben 2 miliardi in meno rispetto alle attuali proiezioni delle Nazioni Unite.

A rivelarlo lo studio di un team internazionale di ricercatori pubblicato oggi sulla prestigiosa rivista "The Lancet".

L'analisi considera il calo dei tassi di fertilità e i tassi di invecchiamento. Entro la fine del secolo, 183 dei 195 paesi - senza considerare un afflusso di immigrati - saranno scesi al di sotto della soglia di sostituzione necessaria per mantenere i livelli di popolazione. Più di 20 paesi - tra cui Giappone, Spagna, Italia, Tailandia, Portogallo, Corea del Sud e Polonia - vedranno diminuire il loro numero di almeno la metà.

La Cina dovrebbe passare da 1,4 miliardi di persone di oggi a 730 milioni in 80 anni. L'Africa sub-sahariana, nel frattempo, triplicherà arrivando a circa 3 miliardi di persone, con la sola Nigeria che si espanderà a quasi 800 milioni nel 2100, seconda solo agli 1,1 miliardi dell'India.

"Queste previsioni suggeriscono buone notizie per l'ambiente, con meno stress sui sistemi di produzione alimentare e minori emissioni di carbonio, nonché significative opportunità economiche per parti dell'Africa subsahariana", ha scritto l'autore principale dello studio, Christopher Murray, direttore dell'Institute for Health Metrics e Valutazione (IHME) dell'Università di Washington. "Tuttavia, la maggior parte dei Paesi al di fuori dell'Africa vedrà ridurre la forza lavoro e invertire le piramidi della popolazione, e ci saranno profonde conseguenze negative per l'economia".

Per i paesi ad alto reddito in questa categoria, le migliori soluzioni per sostenere i livelli di popolazione e la crescita economica, secondo gli studiosi saranno politiche di immigrazione flessibili e sostegno sociale per le famiglie che vogliono figli.

(Unioneonline/v.l.)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...

}