CRONACA - ITALIA

covid

La Liguria aumenta le restrizioni anche a Sanremo, il sindaco: "Così un'agonia"

Toti: "So che è un momento delicato per via del Festival ma dobbiamo isolare i focolai"
(ansa)
(Ansa)

La Liguria ha deciso di aumentare le misure di contenimento del Covid, comprese le chiusure di bar e ristoranti, già prese nel distretto di Ventimiglia, anche a Sanremo. Entreranno in vigore a Sanremo dalla mezzanotte di domani e saranno in vigore fino al 14 marzo.

"Ci dispiace molto - ha detto il presidente Giovanni Toti annunciando le chiusure - ma siamo costretti a prenderle nostro malgrado perché la curva dei contagi è salita anche lì. Dobbiamo isolare i focolai prima che scoppi l'incendio. Le misure entrano in vigore da domani notte per consentire a tutti di organizzarsi, di ridurre le scorte". Bar e ristoranti potranno fare l'asporto.

"Siamo consapevoli che questa misura entra in vigore in una zona particolarmente delicata perché questa sera inizia il Festival di Sanremo, ma questo non ci ha impedito di prendere misure appropriate per difendere la salute dei cittadini", ha sottolineato. "Per quanto riguarda il Teatro Ariston dove si svolge il festival - ha aggiunto Toti - sappiamo che è diventato un vero e proprio studio televisivo con tutti i controlli di sicurezza necessari, è una bolla 'safe area' per cui non temiamo problemi".

"Così è un'agonia", ha commentato il sindaco di Sanremo Alberto Biancheri: "Quando Governo e Regione venerdì hanno dato la zona gialla con solo scuole e parchi chiusi - dice - ho raccomandato massima prudenza: i bollettini evidenziavano una situazione ancora delicata. Ma se Governo e Regione, che possiedono strumenti, hanno deciso così, suppongo che i parametri fossero conformi. Ora è un dietrofront: perché questo dopo 4 giorni. Così è difficile da accettare per tutti".

(Unioneonline/D)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...

}