CRONACA - ITALIA

lazio

Casapound, ordinato lo sgombero della storica sede romana

Il sindaco Raggi: "Ripristiniamo la legalità". Di Stefano: "Solo un incontro in Questura"
l immobile occupato da casapound nel pieno centro di roma (archivio l unione sarda)
L'immobile occupato da Casapound nel pieno centro di Roma (Archivio L'Unione Sarda)

"Ho appena saputo che è stato ordinato lo sgombero da Via Napoleone III a Casapound".

L'annuncio arriva dal viceministro dell'Economia e delle finanze Laura Castelli: "Ci lavoriamo da tanto, finalmente si ristabilisce la legalità", dice.

Potrebbe dunque chiudersi l'annosa vicenda della sede storica di Casapound, occupata abusivamente da anni e su cui è in piedi una procedura di sgombero avviata lo scorso 19 luglio dal Demanio, con tanto di denuncia alla procura di Roma. La Corte dei Conti ha calcolato un danno erariale di 4,6 milioni per omessa disponibilità del bene e mancata riscossione dei canoni da parte del Demanio stesso e del Miur.

La notizia viene salutata con soddisfazione dal sindaco di Roma, Virginia Raggi: "Finalmente qualcosa si muove sullo sgombero del palazzo occupato abusivamente da Casapound in centro a Roma. Ripristiniamo la legalità", scrive poco dopo in un tweet.

Sulla vicenda però frena il responsabile romano del movimento di estrema destra, Davide Di Stefano, che invece replica di aver partecipato "solo a un incontro sulla richiesta di sgombero che si è svolto in Questura con una rappresentanza di Casapound".

(Unioneonline/D)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...

}