CRONACA - ITALIA

Varese

Sacrestano preso a botte perché nero: "Temo per la mia vita"

"Stavo andando ad aprire la basilica, lui mi ha spinto dopo avermi insultato", ha dichiarato la vittima dell'aggressione
il sacrestano aggredito deodatus nduwimana (foto facebook)
Il sacrestano aggredito, Deodatus Nduwimana (foto Facebook)

Picchiato in pieno giorno perché nero.

È successo al sacrestano della Basilica di Santa Maria Assunta di Gallarate, in provincia di Varese.

Un aggressione che ha causato a Deodatus Nduwimana, 50enne italiano originario del Burundi, da quasi 20 anni sacrestano della basilica, una lussazione.

Secondo quanto dichiarato dalla vittima al giornale locale Varesenews finora c'erano state da parte della stesso uomo, un italiano di 40 anni, solo insulti e minacce.

"È successo in pieno giorno - ha riferito ancora il sacrestano, annunciando che presenterà denuncia -, stavo andando ad aprire la basilica, lui era lì come sempre e mi ha spinto dopo avermi insultato. Ho paura per la mia vita. Questa persona è sempre in piazza, è un nullafacente e mi ha preso di mira".

Sul posto sono intervenuti la polizia e gli operatori del 118.

Il 50enne ha riportato solo lievi lesioni.

(Unioneonline/F)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...