CRONACA - ITALIA

padova

Chiusa in ascensore per 27 ore, si salva bevendo vino

Disavventura per una donna che ha rischiato di morire per disidratazione
un ascensore (foto pixabay)
Un ascensore (foto Pixabay)

Per ben 27 ore è rimasta chiusa in un ascensore e, per evitare la disidratazione, ha bevuto del vino.

Una singolare avventura quella capitata a una 50enne di Padova. La donna aveva deciso di portare in cantina qualche bottiglia quando il vecchio ascensore del palazzo si è improvvisamente bloccato.

La signora non aveva con sé il telefonino, nella cabina non c'erano pulsanti d'emergenza, e quindi si è messa a urlare per richiamare l'attenzione della colf che doveva trovarsi ancora nel suo appartamento. Purtroppo non era così, perché questa se n'era già andata.

Inutili i tentativi di forzare le porte per uscire. Ma non si è fatta prendere dalla disperazione. Le ore passavano, il caldo cresceva, quindi ha deciso di bere il vino che aveva con sé, rompendo le bottiglie.

Grazie a questo è sopravvissuta, fino a quando la figlia che non riusciva a contattarla si è presentata nell'abitazione della mamma e, quando ha visto l'ascensore fermo e le urla ha capito tutto e chiamato i Vigili del fuoco che hanno recuperato la 50enne.

(Unioneonline/s.s.)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...