CRONACA - MONDO

la ricostruzione

Il racconto di Gabriele Micalizzi: "Un boato ed ero a terra"

Attraverso un messaggio diffuso in radio il reporter ferito in Siria ha raccontato i momenti più drammatici

"Mi sento un miracolato". Gabriele Micalizzi, il fotografo italiano ferito in Siria, ha brevemente raccontato attraverso un messaggio registrato e diffuso su 'Radio anch'io' (Rai-Radio1) i drammatici momenti che l'hanno visto protagonista in Siria.

Il fotografo è in ospedale a Milano, dove dovrebbe essere sottoposto oggi ad un intervento.

"Mi trovavo a Al-Baghuz, nella frontline siriana dove c'è l'ultimo caposaldo dell'Isis. Ad un certo punto ho sentito un boato, ho visto esplodere la persona a fianco a me e mi sono trovato per terra esanime. In un secondo ho capito che la situazione era grave ma non so come alla fine sono sopravvissuto. Mi sento un miracolato. Sicuramente grazie all'elmetto e al giubbetto e alla macchina fotografica che mi ha coperto la faccia".

"Quindi - ha proseguito - sono stato ricoverato e mi hanno trasferito".

Poi, i ringraziamenti e un pensiero alle altre vittime dell'attentato. "Vorrei ringraziare, porgere le mie condoglianze alla famiglia del soldato curdo morto, ai fratelli curdi, il comandante che è stato ferito a fianco a me, spero che si riprendano presto, e ringraziarli per quello che stanno facendo là sotto, che comunque è degno di nota: stanno sacrificando le loro vite anche per noi".

(Unioneonline/v.l.)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...