CRONACA SARDEGNA - CAGLIARI

l'allarme

Gli infermieri sardi: "Preoccupati per i contagi intraospedalieri"

L'appello all'assessore Nieddu: "Assumere personale e ridurre i tempi di refertazione dei tamponi"
(archivio l unione sarda murru)
(Archivio L'Unione Sarda - Murru)

Il sindacato delle professioni sanitarie Nursing Up denuncia le condizioni di rischio di contagio da Covid-19 nei reparti degli ospedali classificati dalla Regione come presidi Covid-free.

Secondo Diego Murracino, dirigente regionale del Sindacato Nursing Up, "le attuali condizioni di diffusione del virus anche in Sardegna sono tali da non lasciare nessun presidio ospedaliero immune dalla presenza di pazienti Covid positivi".

"L'idea che possano esserci ospedali Covid-free può risultare dannosa - continua Murracino - stiamo ricevendo continue segnalazioni da parte del personale sanitario in merito alla scarsa disponibilità delle cosiddette zone grigie ovvero stanze disponibili all'interno dei reparti da dedicare esclusivamente a pazienti in attesa di esito di tampone o pazienti risultati positivi".

Altro fattore che peggiora la situazione è il numero del personale sanitario da dedicare alla gestione dei pazienti in zona grigia: "La carenza di personale era già drammatica prima del Covid per scarsità del numero di infermieri e oss e nei reparti che la Regione definisce Covid-free non vi è stato nessun incremento di personale e spesso gli operatori devono gestire nello stesso turno di lavoro sia i pazienti ricoverati nella zona grigia che gli altri".

Dunque l'appello all'assessore alla Sanità e ai Direttori Sanitari degli ospedali sardi: "Incrementare il numero delle stanze da dedicare a zona grigia all'interno di tutti i reparti; incrementare il numero di assunzioni di personale sanitario, infermieri e oss in tutti i presidi; ridurre i tempi di refertazione dei tamponi; garantire continue e adeguate forniture dei DPI in tutti i reparti; verificare l'adeguatezza e l'applicazione dei protocolli di sicurezza per la gestione del Covid-19".

(Unioneonline/D)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...

}