ECONOMIA

la vertenza

Rotte Olbia, ultimatum di Solinas alle compagnie: "Spartitevi la continuità"

Concluso il faccia a faccia tra governatore, Air Italy e Alitalia. Il negoziato proseguirà nelle prossime ore. In ballo 600 posti di lavoro
l incontro a villa devoto (ufficio stampa regione sardegna)
L'incontro a Villa Devoto (Ufficio Stampa Regione Sardegna)

Il tempo è scaduto, entro domani serve una decisione, oltre non si può andare.

È durato quasi due ore il vertice a Villa Devoto con il governatore Solinas e i manager di Alitalia e Air Italy.

La Regione ha fatto alle due compagnie una proposta che consente di spartirsi le rotte della continuità olbiese.

Entrambe dovrebbero garantire i voli secondo il nuovo modello (quello della giunta Pigliaru) e senza compensazioni.

La delegazione dei lavoratori Air Italy (L'Unione Sarda - Ruffi)
La delegazione dei lavoratori Air Italy (L'Unione Sarda - Ruffi)

Le compagnie hanno tempo fino a domani alle 15 per decidere se accettare o meno.

L'incontro si è svolto mentre fuori dalla sede della presidenza della Regione aspettavano circa sessanta dipendenti di Air Italy.

Michele Ruffi

***

In serata è arrivato anche la nota ufficiale diffusa dalla Regione, dove si legge:

"Incontro interlocutorio stasera tra i vertici di Alitalia e Air Italy convocati dal presidente della Regione Christian Solinas per definire la questione delle rotte da e per Olbia in regime di continuità territoriale. Alla riunione era presente il management delle due compagnie che ha raccolto l'invito del presidente per trovare una soluzione e definire la vertenza al fine di garantire il servizio di trasporto nella destinazione e salvaguardare l'occupazione".

Ancora, spiega Villa Devoto, "attraverso la mediazione del presidente, le due compagnie hanno accettato di studiare un piano di azione da comunicare entro la mattina di domani. In ogni caso ogni scenario prospettato sarà temporaneo e durerà limitatamente al periodo di definizione di un nuovo bando".

(Unioneonline/l.f.)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...