CULTURA

iglesias

Geoparco, la Regione non dovrà pagare 20 milioni per il lodo arbitrale

Solinas annuncia il rilancio delle attività in chiave turistica
villa bellavista sede del parco geominerario (archivio unione sarda)
Villa Bellavista, sede del Parco Geominerario (Archivio Unione Sarda)

Lo scorso febbraio la Corte d'Appello di Cagliari ha emanato un sentenza di nullità del lodo arbitrale che aveva condannato la Regione a pagare oltre 20 milioni di euro all'ex Ati Ifras, l'associazione temporanea di imprese nata per gestire le attività del Geoparco.

Lo annuncia l'amministrazione regionale che, nel maggio scorso, aveva impugnato infatti il lodo arbitrale che prevedeva, nel dettaglio, il pagamento ad Ati Ifras di 18 milioni e 250mila euro, più 2 milioni e 291mila euro di interessi e 82.500 euro di spese legali.

"Sono state pienamente riconosciute le nostre ragioni - commenta il governatore Christian Solinas - e adesso si apre una fase nuova. Ferma restando la salvaguardia delle decine di lavoratori coinvolti, un impegno che abbiamo sempre mantenuto, lo sviluppo del Parco dovrà essere sempre più orientato verso una valorizzazione in chiave turistica, con una serie di itinerari mirati a presentare ai visitatori un'offerta che metta insieme le bellezze naturalistiche dei nostri territori - aggiunge -. Abbiamo avviato da subito un percorso che veda la partecipazione di tutte le amministrazioni comunali coinvolte e lavorato perché questo immenso patrimonio ambientale e identitario diventi il motore di un nuovo sviluppo sostenibile, per i territori che ospitano i siti e per tutta l'Isola. Ora che è stata fatta chiarezza su una vicenda che abbiamo ereditato, è arrivato il momento di accelerare su tutti i progetti, per troppo tempo frenati, che ruotano intorno al Parco Geominerario".

(Unioneonline/F)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...

}