linate

L'area del servizio di faceboarding a Linate
L'area del servizio di faceboarding a Linate
trasporti

Salire sull’aereo senza mostrare documenti e biglietto: sul Linate-Cagliari debutta il faceboarding

Attese azzerate, nessuna fila e imbarco più veloce senza dover tenere in mano documenti d’identità
Il luogo dell'incidente (Ansa)
Il luogo dell'incidente (Ansa)
l’anniversario

#AccaddeOggi: 8 ottobre 2001, la tragedia di Linate

Lo scontro fra due aerei, 118 i morti
Controlli a Linate (Ansa)
Controlli a Linate (Ansa)
il furto

Ruba un orologio durante i controlli a Linate e parte (tranquillo) per la Sardegna: ad Alghero lo ferma la Polizia

L’uomo è stato denunciato, gli agenti hanno scoperto tutto visionando i filmati delle telecamere
Vent'anni fa il più grande disastro aereo mai avvenuto in Italia per numero di vittime. L'8 ottobre del 2001 nell'aeroporto milanese di Linate,poco dopo le otto del mattino, un velivolo privato, un Cessna Citation CJ2, entrato erroneamente nella pista di decollo dello scalo, viene investito da un McDonnel Douglas MD-87 della Scandivian Airlines in fase di decollo. L'impatto è terrificante: l'aereo di linea viene danneggiato seriamente e finisce contro un edificio adibito allo smistamento di bagagli, poi va a fuoco. Muoiono tutti gli occupanti dei due velivoli, oltre a quattro addetti ai bagagli.  In totale le vittime sono 118, e tra di loro c'è anche la giovane nuorese Antonella Sanna. L'incidente si verifica a meno di un mese dagli attentati dell'11 settembre negli Stati Uniti e il giorno successivo rispetto all'inizio del conflitto in Afghanistan. Per questo inizialmente scatta la psicosi terrorismo, pista poi smentita dalle prime indagini. Tra le cause, oltre alle condizioni atmosferiche con bassa visibilità, anche alcune mancanze strutturali dello scalo (radar di terra non operativo, segnaletica non a norma, sensori disattivati) e l'errore umano del pilota del Cessna. (Unioneonline/F)
Vent'anni fa il più grande disastro aereo mai avvenuto in Italia per numero di vittime. L'8 ottobre del 2001 nell'aeroporto milanese di Linate,poco dopo le otto del mattino, un velivolo privato, un Cessna Citation CJ2, entrato erroneamente nella pista di decollo dello scalo, viene investito da un McDonnel Douglas MD-87 della Scandivian Airlines in fase di decollo. L'impatto è terrificante: l'aereo di linea viene danneggiato seriamente e finisce contro un edificio adibito allo smistamento di bagagli, poi va a fuoco. Muoiono tutti gli occupanti dei due velivoli, oltre a quattro addetti ai bagagli.  In totale le vittime sono 118, e tra di loro c'è anche la giovane nuorese Antonella Sanna. L'incidente si verifica a meno di un mese dagli attentati dell'11 settembre negli Stati Uniti e il giorno successivo rispetto all'inizio del conflitto in Afghanistan. Per questo inizialmente scatta la psicosi terrorismo, pista poi smentita dalle prime indagini. Tra le cause, oltre alle condizioni atmosferiche con bassa visibilità, anche alcune mancanze strutturali dello scalo (radar di terra non operativo, segnaletica non a norma, sensori disattivati) e l'errore umano del pilota del Cessna. (Unioneonline/F)
Cronaca Italia

#AccaddeOggi: 8 ottobre 2001, il disastro aereo di Linate

Vent'anni fa il più grande disastro aereo mai avvenuto in Italia per numero di vittime

Economia

Alitalia, i collegamenti con l'Isola tornano a Linate

Dal 24 luglio la compagnia riprende a operare sullo scalo cittadino di Milano
La Stazione Centrale di Milano (Archivio L'Unione Sarda)
La Stazione Centrale di Milano (Archivio L'Unione Sarda)
Italia

Gli effetti del decreto nelle stazioni e negli aeroporti

Questa mattina non si registrano situazioni di caos in Lombardia
Air Italy, si mobilita anche la Fasi
Air Italy, si mobilita anche la Fasi
Economia

Air Italy, la Fasi solidale con i lavoratori: presidio a Milano

Una rappresentanza della Federazione dei circoli sardi ha organizzato un picchetto davanti allo scalo milanese
Primo atterraggio dopo tre mesi a Linate
Primo atterraggio dopo tre mesi a Linate
Cronaca Italia

Dopo tre mesi riapre l'aeroporto di Milano Linate

Primo atterraggio nello scalo alle porte del capoluogo lombardo
(Ansa)
(Ansa)
Italia

Primo atterraggio a Linate, dopo tre mesi riapre lo scalo milanese

Domani si ricomincia anche con le partenze: i lavori proseguiranno con l'aeroporto in funzione
La polizia sul posto (Ansa)
La polizia sul posto (Ansa)
Italia

Identificato l'uomo trovato morto a Linate con mani e piedi legati

L'uomo, Davide Baruffini, era conosciuto come senzatetto che viveva di espedienti
L'aeroporto di Linate (Ansa)
L'aeroporto di Linate (Ansa)
Italia

Cadavere con mani e piedi legati, scoperta choc in aeroporto

Si tratta di un senzatetto di 42 anni, in corso le indagini
Jovanotti sul palco di Linate (Ansa)
Jovanotti sul palco di Linate (Ansa)
Spettacoli

Jova Beach Party, atto finale a Linate

Nel tour tappa anche a Olbia
Jovanotti in concerto (Ansa)
Jovanotti in concerto (Ansa)
Spettacoli

Jova Beach Party, ultimo atto all'aeroporto chiuso di Linate

Ultimo appuntamento singolare per il tour nelle spiagge del cantante
L'aeroporto di Malpensa (foto Google Maps)
L'aeroporto di Malpensa (foto Google Maps)
Italia

A Malpensa decolla il primo aereo post Linate

Lo scalo rimarrà chiuso per tre mesi per lavori di manutenzione e ammodernamento
Piloti all'eroporto di Linate (Ansa)
Piloti all'eroporto di Linate (Ansa)
Economia

Linate off limit: l'aeroporto di Milano chiude per tre mesi

Fino a ottobre tutti i i voli saranno dirottati su Malpensa
12
economia
Gianfranco e Salvatore Bussu lavorano il Fiore Sardo Dop nell'azienda di Macomer
Gianfranco e Salvatore Bussu lavorano il Fiore Sardo Dop nell'azienda di Macomer

Fiore Sardo Dop, il formaggio a latte crudo vuole conservare la sua “magia”: «Tuteliamo artigianalità e tradizione»

Il produttore Salvatore Bussu: «Dobbiamo continuare su questa strada, magari incontrando l’alta ristorazione. È questo il segreto del successo».
#cara unione
Auto parcheggiate (Ansa)
Auto parcheggiate (Ansa)

«Auto o bicicletta? A Cagliari non è una vera scelta»

«I parcheggi sono insufficienti, e chi lavora fuori città non ha alternative all’uso della macchina»