La partenza della nuova edizione di "Portobello" targata Antonella Clerici non è stata scoppiettante come ci si aspettava, almeno stando ai dati di share che hanno visto vincere il programma "Tu si que vales" di Maria De Filippi.

Ma l'impresa di riproporre un programma cult della tv italiana non è cosa da poco, e il giudizio andrebbe quantomeno rimandato, soprattutto perché la bravura e la professionalità di Antonella Clerici sapranno aggiustare la rotta via via.

Quello che poteva senz'altro avere più spazio, almeno nella puntata d'apertura, è invece il ricordo dell'ideatore conduttore Enzo Tortora. Non che sia mancato del tutto, perché la conduttrice commuovendosi nel ricordare il giornalista genovese e ringraziando le figlie Silvia e Gaia, ma tralasciando ogni riferimento all'odissea giudiziaria di cui fu vittima.

A farlo notare è stata la compagna Francesca Scopelliti, che in una lettera a Repubblica ha espresso l'amarezza per questa dimenticanza: "A sentire il commosso ricordo, sembrava che Enzo Tortora fosse morto di vecchiaia, dopo vari successi televisivi e non di malagiustizia, dopo un clamoroso arresto e un vergognoso processo che lo ho voluto a tutti i costi colpevole".

IL VOLTO PERBENE DELLA TV - Nella neonata televisione italiana Tortora è entrato grazie a un concorso e si è fatto conoscere come inviato di Mike Bongiorno nel programma "Campanile Sera" e poi con la popolarissima "Domenica sportiva". È un uomo colto e garbato, capace di farsi amare dalla gente, ma non dalla dirigenza Rai, che per ben due volte lo caccia per aver osato troppo.

Al suo ritorno, però, Tortora ha una carta vincente che si chiama "Portobello", un programma fresco e nuovo, ideato insieme alla sorella Anna e al pubblicitario Angelo Citterio: una trasmissione di intrattenimento che ha al centro un mercato - dal londinese Portobello Road - dove bizzarri personaggi propongono invenzioni e oggetti per collezionisti attraverso un centralino telefonico, con il contorno di rubriche per la ricerca di persone scomparse e anime gemelle.

Protagonista assoluto, però, è il pappagallo Portobello, riproposto anche nell'attuale versione del format.

SCOPPIA IL CASO TORTORA - Un successo formidabile quanto inatteso, che viene interrotto il 17 giugno del 1983, quando i carabinieri si presentano all'Hotel Plaza di Roma e arrestano Enzo Tortora con l'accusa di traffico di stupefacenti e collusione con la camorra.

Un macigno e l'inizio di un calvario giudiziario, partito dal ritrovamento di un numero telefonico con accanto il nome "Tortora" nell'agenda di un camorrista, e poi confermato da svariate testimonianze di pentiti e aggravato da una vera e propria gogna mediatica.

A difenderlo il Partito Radicale, che lo candida come eurodeputato ma non cancella le ombre che lo circondano, tanto che sarà lo stesso conduttore a rinunciare all'immunità perlamentare e tornare agli arresti, per tornare definitivamente in libertà nel giugno del 1987, dopo una sentenza che lo scagiona con formula piena.

Da lì a poco, provato, commosso e malato, il ritorno alla guida di "Portobello" e quella frase indimenticabile con cui si ripresenta la prima sera ai telespettatori: "Dove eravamo rimasti?".

(Unioneonline/b.m.)

L'arresto del conduttore di \"Portobello\" (tutte le foto Ansa)
L'arresto del conduttore di \"Portobello\" (tutte le foto Ansa)
L'arresto del conduttore di "Portobello" (tutte le foto Ansa)
Tortora e Marco Pannela durante il processo d'appello al conduttore
Tortora e Marco Pannela durante il processo d'appello al conduttore
Tortora e Marco Pannela durante il processo d'appello al conduttore
Nel carcere romano di Regina Coeli
Nel carcere romano di Regina Coeli
Nel carcere romano di Regina Coeli
Il ricovero durante la detenzione
Il ricovero durante la detenzione
Il ricovero durante la detenzione
Il rilascio di Tortora dopo l'assoluzione
Il rilascio di Tortora dopo l'assoluzione
Il rilascio di Tortora dopo l'assoluzione
Il saluto a una guardia carceraria dopo il rilascio
Il saluto a una guardia carceraria dopo il rilascio
Il saluto a una guardia carceraria dopo il rilascio
Con le figlie Silvia e Gaia
Con le figlie Silvia e Gaia
Con le figlie Silvia e Gaia
Il ritorno in famiglia dopo il calvario giudiziario
Il ritorno in famiglia dopo il calvario giudiziario
Il ritorno in famiglia dopo il calvario giudiziario
Tortora durante la trasmissione \"Portobello\"
Tortora durante la trasmissione \"Portobello\"
Tortora durante la trasmissione "Portobello"

© Riproduzione riservata