CRONACA - ITALIA

L'indagine

Duplice omicidio a Lamezia Terme: in manette quattro esponenti della 'ndrangheta

Le vittime, Giovanni Torcasio e Cristian Matarasso, sono state uccise al termine di un lungo inseguimento
(foto www pixabay com)
(foto www.pixabay.com)

Sono quattro le persone finite in arresto a Catanzaro in quanto ritenute responsabili in concorso del duplice omicidio di Giovanni Torcasio e Cristian Matarasso, vittime di un agguato mafioso consumato a Lamezia Terme il 29 settembre 2000.

I destinatari del provvedimento cautelare, tutti esponenti di vertice delle cosche federate della 'ndrangheta lametina, Iannazzo-Cannizzaro-Da Ponte, sono già detenuti, alcuni anche nel regime dell'art. 41 bis, a seguito delle condanne riportate in relazione all'operazione "Andromeda".

Il delitto era stato consumato al termine di un lungo inseguimento iniziato nel centro di Lamezia Terme e concluso, dopo circa 3 km, quando i killer, Antonio Davoli e Pietro Iannazzo, alla guida di una moto di grossa cilindrata precedentemente rubata, avevano raggiunto le vittime colpendole con numerosi colpi di pistola.

Gli altri arrestati sono Vincenzino Iannazzo e Domenico Cannizzaro: il movente del duplice omicidio è stato ricostruito nella precisa volontà delle cosche confederate di vendicare gli omicidi di Francesco Iannazzo e di Giuseppe Cannizzaro.

(Unioneonline/v.l.)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...

}