CRONACA - ITALIA

l'esperto

Galli: "Il virus non se n'è mai andato, l'equilibrio è fragile"

Sul vantaggio dell'Italia rispetto ad altri Paesi: "Merito del lockdown più rigoroso". Ma ora bisogna "contenere i focolai"
massimo galli (archivio l unione sarda)
Massimo Galli (Archivio L'Unione Sarda)

Il virus non è cambiato significativamente e non se n'è mai andato.

Massimo Galli, primario di Malattie infettive dell'ospedale Sacco di Milano, fa il punto sul coronavirus dopo l'aumento di contagi in Italia, che ieri ha superato i 1.900 nuovi casi in 24 ore.

"Confido nel fatto che possa non verificarsi una seconda grande ondata - spiega in un'intervista al Corriere della Sera -. Ma dobbiamo però essere in grado di contenere i nuovi focolai".

"Dopo un'estate condotta in maniera non prudente in molte parti del Paese, c’è stata una ripresa dei contagi - ricostruisce -. Il rialzo dell’età media dei casi suggerisce che l’infezione si sia diffusa nel contesto familiare. I numeri finora sono sostenibili. Tuttavia la medicina territoriale ha bisogno di essere irrobustita, per contenere i focolai".

Rispetto ad altri Paesi come la Francia e la Spagna (ieri rispettivamente +15.800 casi e +12mila) l'Italia è in evidente vantaggio grazie al lockdown "più rigoroso" che altrove. Un intervento "radicale" che "ci ha dato una sorta di onda lunga di protezione, ma l’equilibrio è fragile".

Sugli effetti della riapertura delle scuole è presto parlarne: "L’impatto si vedrà nelle prossime due-tre settimane".

(Unioneonline/D)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...

}