CRONACA - ITALIA

Verona

Ordinano le pizze, ma è una trappola: pony express picchiato e rapinato

Dopo aver consegnato le pizze il corriere è stato buttato a terra e colpito con calci e pugni
(foto www pixabay com)
(foto www.pixabay.com)

Ha ordinato delle pizze e, una volta arrivato il fattorino, lo ha picchiato con l'aiuto dei complici e gli ha rubato l'incasso della serata. È accaduto a Verona, nel quartiere di Borgo Roma. Il gruppo di ragazzini è stato però individuato dai poliziotti in un'indagine che ha impegnato gli agenti delle Volanti per l'intera nottata.

Il primo ad essere individuato - e l'unico a finire in manette - è stato proprio il giovane che, intorno alle 3 di notte, aveva contattato la pizzeria di Borgo Roma chiedendo di recapitare del cibo nel parco del quartiere. Una volta arrivato sul posto, il pony express ha chiamato al telefono il cliente che si è avvicinato insieme ad una ragazza ed ha ritirato l'ordine. La coppia di giovani, non ancora 18enni, ha poi bloccato il motorino del corriere, impedendogli di allontanarsi, ed è stata raggiunta da altri tre ragazzi che, da dietro, hanno afferrato il malcapitato, l'hanno trascinato a terra ed hanno iniziato a colpirlo con calci e pugni, intimandogli di consegnare il denaro.

L'aggressione si è conclusa con il furto del portafoglio - dunque dell'incasso dell'intera serata - e delle chiavi del motorino, ma il pony espress prima di essere trasportato in ospedale è riuscito ad avvisare la polizia.

Uno dei 17enni è stato bloccato dagli agenti con ancora in mano il cartone della pizza da poco rubata. Il gip del Tribunale dei Minori di Venezia ha convalidato l'arresto e disposto nei confronti del ragazzo la misura della permanenza in casa, in attesa del processo. Gli ulteriori elementi raccolti hanno consentito alla Polizia di risalire ai complici: un 18enne e tre 17enni, che sono stati denunciati per rapina aggravata. I ragazzi sono stati trovati in possesso del bottino, che si erano divisi subito dopo la rapina, e dei documenti della vittima.

(Unioneonline/v.l.)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...

}