CRONACA - ITALIA

il corteo

Milano, centinaia di sindaci sfilano per Liliana Segre. C'è anche la Sardegna

Anche molti primi cittadini e assessori dell'Isola hanno partecipato all'iniziativa di solidarietà per la senatrice nel mirino degli haters

Centinaia di sindaci in marcia a Milano in solidarietà a Liliana Segre al grido: "L'odio non ha futuro".

Una "scorta" simbolica di amministratori con la fascia tricolore organizzata dal primo cittadino del capoluogo lombardo, Beppe Sala, per condannare le ripetute minacce ricevute dalla senatrice a vita sopravvissuta ai lager nazisti e lanciare l'allarme per i ripetuti episodi di odio, xenofobia e razzismo che si registrano quotidianamente in ogni parte d'Italia.

Presenti amministratori provenienti da ogni regione, Sardegna compresa, con una delegazione di 36 tra sindaci, vicesindaci e assessori di numerosi Comuni, come Nuoro, Sestu, Settimo San Pietro, Pula, Decimomannu, Villamassargia, Ozieri, Pula, Sennori, Fonni e Guasila, solo per citarne alcuni.

"Il razzismo in Italia? Certo che c'è", ha detto Sala alla partenza del corteo, che si è snodato per il centro di Milano, passando anche per piazza Duomo. "Io voglio continuare a credere nella bontà degli italiani. Però è chiaro che viviamo in un'epoca in cui è facile far montare le tensioni e gli odii e per cui noi sindaci più di altri ce ne accorgiamo, ed è prima di tutto nostro dovere essere qua", ha proseguito.

"Il nostro - ha aggiunto il sindaco di Milano - è un no all'odio e all'antisemitismo. Seicento sindaci non si muovono per niente, si muovono perché credono in qualcosa".

(Unioneonline/l.f.)

LE IMMAGINI:

milano sindaci in piazza per solidariet a liliana segre
Milano, sindaci in piazza per solidarietà a Liliana Segre
(l unione sarda frigoli)
(L'Unione Sarda - Frigoli)
di

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...