CRONACA SARDEGNA - SULCIS IGLESIENTE

sulla rete

Iglesias e la "caccia all'untore", il commissariato di Polizia: "Monitoriamo anche i social"

Tra i cittadini c'è preoccupazione per le false informazioni che circolano
una volante di fronte al commissariato di iglesias (foto simbula)
Una volante di fronte al commissariato di Iglesias (foto Simbula)

Se nel contenuto di post e messaggi che da giorni proliferano sui social, a proposito dei casi di coronavirus a Iglesias, si dovesse ravvisare il reato di procurato allarme sarà la Polizia a procedere d'ufficio.

A confermare che anche tutto ciò accade sulla rete è tenuto sotto osservazione dai poliziotti è il vice questore aggiunto Luis Manca, che da qualche mese dirige il commissariato di pubblica sicurezza di Iglesias. "Fa parte dell'attività della Polizia monitorare anche i social media e procedere di conseguenza, qualora si ravvisino illeciti procedibili d'ufficio".

Una volante a Iglesias (foto Simbula)
Una volante a Iglesias (foto Simbula)

Intanto, mentre si è in attesa di conoscere l'esito dei tamponi effettuati alle 18 persone in isolamento, continuano a essere diffuse attraverso i social pseudo notizie con dati sparati a caso su presunti nuovi contagi. Con nomi e cognomi. Tutto ciò sta generando confusione e provocando grande preoccupazione tra i cittadini. Anche per questo c'è fretta di sapere (dalle fonti ufficiali e, dunque, sulla base di dati certi e non delle voci) l'esito dei tamponi e il numero reale dei positivi.

IL PUNTO DELLA SITUAZIONE NEL SULCIS E A IGLESIAS (VIDEOLINA)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...

}