ECONOMIA

Pubblica amministrazione

Server pubblici sicuri contro gli hacker, la Sardegna tra i poli strategici

La Regione parteciperà a fase pilota della piattaforma nazionale contro gli attacchi informatici
immagine simbolo (foto pixabay)
Immagine simbolo (foto Pixabay)

L'Agenzia per l'Italia digitale ha eseguito il censimento dei data center pubblici, dove sono ospitati i dati in possesso della Pubblica Amministrazione.

Su 1.252 censiti solo 35, tra questi la Regione Sardegna, sono stati individuati come possibili poli strategici nazionali, perché rispettano tutti i requisiti preliminari definiti dall'Agenzia, tra i quali il fatto che gli immobili in cui sono situati i server siano nella disponibilità esclusiva dell'ente, che deve aver formalmente adottato procedure per la gestione della sicurezza.

Il censimento ha riguardato le pubbliche amministrazioni centrali e quelle locali, le aziende sanitarie e le università.

"Un sistema regionale che si sta consolidando grazie all'impegno dell'Assessorato degli Affari generali e che innalzando il livello di sicurezza delle infrastrutture potrà facilitare l'offerta di servizi innovativi a cittadini e imprese, oltre al taglio di costi superflui", ha spiegato l'assessore regionale Valeria Satta.

Inoltre, la Regione Sardegna è stata scelta dal Cert-PA (Computer emergency response team di cyber security) dell'Agid per partecipare alla fase pilota della piattaforma nazionale per il contrasto agli attacchi informatici contro la Pubblica Amministrazione.

(Unioneonline/F)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...