ECONOMIA

il sit-in

Forestas: oltre 300 lavoratori davanti a Villa Devoto

I sindacati chiedono garanzie sulla stabilizzazione dei precari
il sit in in via oslavia (foto ro mu)
Il sit-in in via Oslavia (foto Ro.Mu)

Oltre trecento lavoratori di Forestas davanti a Villa Devoto per chiedere garanzie sulle stabilizzazioni dei 1168 precari entro il 31 dicembre.

Le rassicurazioni avute ieri dalla Giunta non sono bastate, e così Flai Cgil, Fai Cisl e Uila Uil hanno deciso di confermare il sit-in di oggi all'ingresso della sede istituzionale della Regione. Le sigle chiedono, inoltre, lo stanziamento di risorse aggiuntive per le assunzioni a tempo indeterminato, e la nomina immediata del commissario di Forestas. Adempimento, quest'ultimo, dal quale non si può prescindere perché senza rappresentante legale non può essere approvato il bilancio, e nemmeno procedere con le stabilizzazioni.

Ieri Gianni Lampis (Ambiente) e Valeria Satta (Personale), hanno garantito la stabilizzazione entro gennaio 2020 e i fondi necessari, circa quattro milioni di euro. "Impegni che condividiamo - ha commentato oggi la segretaria generale di Uila Gaia Garau - ma mancano gli atti concreti per portarli avanti, e per questo siamo qui oggi".

I sindacati hanno chiesto di essere ricevuti anche dal presidente della Regione Christian Solinas. Quella dei 1168 precari è solo una parte della vertenza che riguarda altri quattromila lavoratori a tempo indeterminato che chiedevano e hanno ottenuto di transitare dal vecchio contratto agricolo a quello del sistema pubblico della Regione.

(Ro. Mu.)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...

}