CRONACA - ITALIA

Neonato gettato in strada a Torino, l'autopsia: "Ferite compatibili con una caduta dall'alto"

una gazzella dei carabinieri
Una gazzella dei carabinieri

Il giorno dopo il ritrovamento in una strada di Settimo Torinese del neonato morto poi in ospedale arriva ora la conferma delle cause che ne hanno determinato il decesso.

E, come fortemente sospettato dagli inquirenti, il bimbo è morto per le coseguenze delle ferite giudicate dall'autopsia "compatibili" con una caduta dall'alto".

A dichiararlo è il procuratore di Ivrea, Giuseppe Ferrando, riferendosi ai risultati delle analisi eseguite sul corpo del bimbo. Secondo quanto emerso dalle indagini, la madre - V.V., 34 anni, attualmente rinchiusa in carcere - avrebbe ucciso il piccolo lanciandolo in strada dopo averlo partorito nel bagno di casa. È accusata di omicidio volontario aggravato.

Oggi la donna viene ascoltata dalla pm Lea La Monaca della procura della Repubblica di Ivrea, che cercherà di chiarire la dinamica dei fatti.

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...