FOTOGALLERY - CRONACA ITALIA

#AccaddeOggi: 19 settembre 1955, Perón deposto in Argentina con un colpo di stato militare

La sua presidenza viene rovesciata da un golpe. Andrà in esilio e ci resterà per 18 anni
accaddeoggi 19 settembre 1955 cade la presidenza per n
#AccaddeOggi: 19 settembre 1955, cade la presidenza Perón
il presidente argentino viene deposto con un colpo di stato
Il presidente argentino viene deposto con un colpo di Stato
scappa in paraguay
Scappa in Paraguay
rester in esilio per 18 anni
Resterà in esilio per 18 anni
con la seconda moglie eva peron
Con la seconda moglie, Eva Peron
secondo una teoria in realt era un emigrato sardo di mamoiada giovanni piras
Secondo una teoria in realtà era un emigrato sardo di Mamoiada, Giovanni Piras
(tutte le foto sono archivio l unione sarda)
(tutte le foto sono Archivio L'Unione Sarda)
di

È il 19 settembre del 1955 quando il presidente Juan Domingo Perón viene deposto in Argentina con un colpo di stato militare.
La situazione in Argentina era già molto tesa: pochi mesi prima, nel giugno 1955, c'era stato un altro sanguinoso colpo di Stato da parte delle forze armate. Aerei militari dell'aviazione nazionale avevano bombardato Plaza de Mayo, dove Perón avrebbe dovuto tenere un comizio.
Perón sopravvisse, ma morirono centinaia di civili.
A settembre il golpe della "Revolución Libertadora" andò a segno.
Perón andò in Paraguay, poi a Madrid, dove Francisco Franco gli concesse l'asilo politico. Dall'esilio tornò solo nel 1972: vinse le elezioni dell'anno successivo, diventando presidente per la terza volta. Morirà due mesi dopo, lasciando il Paese nel caos.
Curiosità: stando a una teoria sostenuta da alcuni storici, Perón in realtà sarebbe un emigrato sardo. Giovanni Piras di Mamoiada, scappato in Argentina sotto falso nome per sfuggire alla coscrizione durante la seconda guerra mondiale.
(Unioneonline/D)
Settembre 2019
Agosto 2019

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...