CRONACA - MONDO

15 anni fa

Il 12 novembre 2003 la strage di Nassiriya: l'Italia ricorda il suo "Ground Zero"

Un attacco kamikaze alla base italiana provocava 28 morti, fra questi il maresciallo Silvio Olla di Sant'Antioco
un militare italiano fissa il tricolore nella base italiana a pochi chilometri da nassiriya (ansa)
Un militare italiano fissa il tricolore nella base italiana a pochi chilometri da Nassiriya (Ansa)

È il 12 novembre 2003, quindici anni fa esatti. L'Italia è impegnata da pochi mesi con 3mila militari nell'operazione di pace Antica Babilonia, a Nassiriya.

Alle 10.40 (le 8.40 ora italiana) un'autocisterna lanciata a tutta velocità, con a bordo due kamikaze, sfonda le protezioni della Base Maestrale italiana, portando con sé tutto il suo carico di morte.

Un boato assordante, sentito anche a dieci chilometri di distanza, provoca la totale distruzione dell'edificio principale della Base, e del deposito munizioni. Il bilancio è tragico: 28 morti, di cui 19 italiani e, fra questi, 12 carabinieri.

Una delle prime immagini della strage diffuse dal Tg1 (Ansa)
Una delle prime immagini della strage diffuse dal Tg1 (Ansa)

È la strage con più vittime ai danni di una missione di pace italiana all’estero, da cui anche la Sardegna non è esclusa: a Nassiriya perde la vita Silvio Olla, maresciallo di Sant’Antioco, e restano feriti due caporali di Selargius e Assemini.

Il maresciallo Silvio Olla (Ansa)
Il maresciallo Silvio Olla (Ansa)

Le immagini che verranno diffuse sono agghiaccianti: detriti e frammenti di vetro ovunque, ma soprattutto un enorme cratere, scavato dall'esplosivo, a pochi metri dall'edificio.

"Quel cratere è il nostro Ground Zero", il commento del ministro dell'Interno Antonio Martino accorso sul posto a poche ore dall’attentato.

Un'immagine della base italiana dopo l'attentato (Ansa)
Un'immagine della base italiana dopo l'attentato (Ansa)

Oggi, come ogni anno da quella tragica data, l'Italia commemora le sue vittime, un'occasione per ricordare i tanti militari italiani impegnati nelle zone di crisi del mondo. Uomini impegnati a mantenere situazioni di pace difficile, ma anche ad aiutare le popolazioni locali in situazioni di vita precarie.

"In occasione della Giornata dedicata al ricordo dei caduti militari e civili nelle missioni internazionali per la pace – il commento del Presidente della repubblica, Sergio Mattarella - rivolgo il mio deferente omaggio a tutti coloro che hanno sacrificato la vita, al servizio dell’Italia e della comunità internazionale. I militari e civili che, a rischio della propria incolumità, fronteggiano molteplici e diversificate minacce in tante travagliate regioni del mondo, sono l'espressione di un impegno della comunità internazionale che vede il nostro Paese credere fermamente nella necessità di uno sforzo unitario per la sicurezza e la stabilità. Soltanto una intensa collaborazione tra i popoli può aiutarci a sconfiggere le tenebre della violenza e a offrire un futuro all'umanità".

LA GALLERY:

quindici anni fa la strage a nassiriya nella gallery le immagini del pi grande tributo di vite pagato dall italia in una missione di pace
Quindici anni fa la strage a Nassiriya: nella gallery le immagini del più grande tributo di vite pagato dall'Italia in una missione di pace
militari italiani controllano le strade di nassiriya il novembre 2003
Militari italiani controllano le strade di Nassiriya: è il novembre 2003
ancora militari italiani nelle strade di nassiriya nell operazione di pace antica babilonia
Ancora militari italiani nelle strade di Nassiriya nell'operazione di pace "Antica Babilonia"
le prime immagini della strage trasmesse dal tg1
Le prime immagini della strage trasmesse dal Tg1
la carcassa del veicolo usato dagli attentatori
La carcassa del veicolo usato dagli attentatori
il cratere provocato dall esplosione dell autobomba
Il cratere provocato dall'esplosione dell'autobomba
il maresciallo della brigata sassari silvio olla
Il maresciallo della Brigata Sassari Silvio Olla
l allora ministro della difesa antonio martino in visita al luogo della strage
L'allora ministro della Difesa Antonio Martino in visita al luogo della strage
le salme dei caduti
Le salme dei caduti
il rientro delle vittime
Il rientro delle vittime
il cordoglio davanti al comando generale dei carabinieri di roma
Il cordoglio davanti al comando generale dei carabinieri di Roma
un immagine dai funerali (foto ansa)
Un'immagine dai funerali (foto Ansa)
di

(Unioneonline/v.l.)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

PIÙ LETTI
Loading...
Caricamento in corso...