CRONACA - ITALIA

Milano

Prende in ostaggio guardia giurata in Duomo: "Resterà in carcere perché può colpire ancora"

Il giovane egiziano, che compirà 26 anni il 28 agosto, è accusato di sequestro di persona e resistenza, porto abusivo di coltello e false dichiarazioni sulla propria identità
(foto via ansa da frame video polizia)
(foto via Ansa da frame video @Polizia)

Mahmoud Mohamed Zin Elaabdin Elhosary, il 26enne egiziano che ieri ha tenuto in ostaggio un vigilante nel Duomo di Milano, negli ultimi mesi era senza fissa dimora e girovagava facendosi ospitare da conoscenti e parenti dai quali, però, veniva allontanato spesso.

Sono i dettagli che emergono dalle indagini della Digos e del Pool antiterrorismo milanese, guidato da Alberto Nobili.

La Procura ha chiesto la convalida dell'arresto e la misura di custodia in carcere per sequestro di persona e resistenza, anche per il pericolo di reiterazione dei reati.

Il giovane che compirà 26 anni il 28 agosto, nato ad El Menoufia in Egitto, è anche accusato di porto abusivo di coltello e false dichiarazioni sulla propria identità, perché ieri ha detto agli investigatori di chiamarsi "Cristiano", mentre poi è emerso il permesso di soggiorno rilasciato dalla Questura di Savona 10 anni fa, quando è entrato in Italia, con il suo vero nome.

Al momento non ha fornito alcuna spiegazione sulle ragioni del suo gesto e ha pronunciato frasi sconnesse come "ho un alloggio qui in Duomo, dormo qui" o "sono qua per lavorare".

Risulta che è stato licenziato dal lavoro di operaio che svolgeva (non è chiaro il motivo) a maggio e che è stato ospitato nell'ultimo periodo da alcuni amici e anche dallo zio. Anche quest'ultimo pare che lo abbia cacciato di casa perché si comportava male e beveva molto. Risulta avere una residenza fittizia, dove non abita, a Finale Ligure (Savona).

LA RICOSTRUZIONE - Gli inquirenti al momento ritengono che sia fuggito dentro il Duomo per eludere un controllo di routine della polizia che gli aveva chiesto i documenti, mentre si trovava all'esterno della cattedrale. E poi dentro ha deciso di estrarre il coltello a serramanico che aveva in tasca e di minacciare la guardia, prima di venire disarmato dagli agenti. Gli investigatori stanno anche analizzando il suo cellulare, che è stato sequestrato, per verificare eventuali contatti, al momento esclusi, con terroristi islamici.

(Unioneonline/v.l.)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...

}