ECONOMIA

L'indagine

Agricoltura: per un sardo su quattro è una buona opportunità di lavoro

Tra i più interessati ci sono i giovanissimi: buono sbocco lavorativo che offre soddisfazioni
(foto www pixabay com)
(foto www.pixabay.com)

Un abitante della Sardegna su quattro (25%) vede nell'agricoltura un interessante ambito di lavoro, un settore ampio e diversificato in cui sviluppare competenze e crescere professionalmente.

Questo l'interessante dato che emerge dall'ultima ricerca dell'Osservatorio Reale Mutua dedicato all'agricoltura.

In particolare, l'agricoltura può essere un buono sbocco lavorativo per i giovani (32%), capace di dare soddisfazioni e di trasformare una passione in una professione. Le nuove generazioni, dicono i sardi, possono trovarvi una realtà formativa e altamente stimolante (11%), per quanto piuttosto faticosa (20%).

Lavorare in agricoltura ha anche molti aspetti positivi: tra i principali, più di un sardo su tre (39%) sottolinea il senso di realizzazione che deriva dal veder concretizzarsi davvero gli sforzi compiuti col proprio lavoro e un ulteriore 41% cita l'opportunità di riavvicinarsi alle tradizioni e al territorio.

Ma cosa rappresenta l'agricoltura agli occhi degli abitanti della Sardegna? Uno su tre (34%) la associa alla parola "tradizione", e quindi al legame con i valori e le specificità del territorio, e un ulteriore 30% la collega all'idea di salute e sana alimentazione. Per il 18%, invece, il primo pensiero è quello della fatica connessa al lavoro nei campi, e per un altro 14% agricoltura vuol dire soprattutto "Made in Italy" e le sue eccellenze.

La pandemia ha avuto indubbie ripercussioni sul settore ma, insieme a ciò, l'agricoltura si trova ad affrontare anche altre tematiche ormai entrate nel percepito dei sardi: in primis quella del cambiamento climatico e dell'inquinamento (66%).

Quasi un intervistato su quattro (23%) cita anche i limiti spesso posti da normative vincolanti e un ulteriore 7% individua tra i fattori contrari la diffusione sempre maggiore di mode che promuovono prodotti alimentari esotici.

"L'agroalimentare è comparto assolutamente centrale per l'Italia che quest'anno ha dovuto, e deve tuttora, confrontarsi con gli effetti della pandemia di Covid-19 - commenta Michele Quaglia, Direttore Commerciale e Brand di Gruppo - L'auspicio è che il settore nel suo insieme e il Paese riescano a superare questa nuova fase di difficoltà e intraprendere appieno il cammino della ripresa".

(Unioneonline/v.l.)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...

}