ECONOMIA

il sindacato

Braccianti agricoli in Sardegna, Uil: "Riprendere il confronto per il contratto"

I quattro contratti provinciali (Cagliari, Oristano, Nuoro e Sassari) sono scaduti da mesi
immagine simbolo (archivio l unione sarda)
Immagine simbolo (archivio L'Unione Sarda)

"E' necessario riprendere immediatamente il confronto tra organizzazioni sindacali e datoriali per la sottoscrizione dei Contratti di lavoro di Cagliari, Oristano, Nuoro e Sassari che dovranno rilanciare tutto il settore e dare dignità e attenzione ai lavoratori".

Lo afferma il segretario regionale della Uila Sardegna, Gaia Garau, che - in occasione dell'iniziativa "#CPLDAY" promossa dalle Segreterie nazionali di Uila, Fai-Cisl e Flai-Cgil domani in tutto il territorio nazionale - rilancia la questione dei quattro contratti provinciali di lavoro dei braccianti agricoli sardi scaduti ormai da mesi.

Alla fine dell'estate scorsa, spiega Garau, le organizzazioni sindacali, hanno inviato a Coldiretti, Confagricoltura e CIA territoriali le piattaforme con le richieste di rinnovo, contenenti anche le proposte di aumento salariale. Tali piattaforme rivendicative hanno alcuni punti in comune che riguardano: il sistema delle relazioni sindacali; il mercato del lavoro, per garantire maggiore trasparenza e legalità; il potenziamento della bilateralità territoriale; la promozione del welfare; la designazione dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza territoriale (RLST) per ottenere maggiore sicurezza nei luoghi di lavoro.

(Unioneonline/F)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...

}