ECONOMIA

lo stanziamento

Tre milioni dalla Regione per gli ex lavoratori tessili dell'area di Ottana e Macomer

Si tratta di ex dipendenti di Legler, calzificio Queen e Cartonsarda
una manifestazione di lavoratori legler (archivio l unione sarda luciani)
Una manifestazione di lavoratori Legler (Archivio L'Unione Sarda - Luciani)

La Regione ha stanziato tre milioni di euro a favore di circa 250 lavoratori ex Legler, calzificio Queen e Cartonsarda. Un bel regalo di Natale per quei lavoratori delle aziende tessili che non avevano potuto accedere ai cosiddetti ammortizzatori sociali, ordinari e in deroga. Questi, grazie all'accordo tra l'assessore regionale al Lavoro Alessandra Zedda e i sindacati, potranno accedere al contributo, a condizione che non abbiano usufruito della mobilità in deroga negli anni tra il 2016 e il 2017 e degli interventi stabiliti dalla Regione in quelli anni.

Gli interessati potranno scegliere di avere un contributo economico e, in alternativa, di essere impiegati nei cantieri comunali. "Un accordo - dicono Jose Mattana della Cgil e Katy Contini della Cisl - che, purtroppo, non dà risposte in termini occupazionali, di cui il nostro territorio ha disperatamente bisogno, ma è pur sempre una vitale boccata di ossigeno per tante famiglie che da anni hanno perso il lavoro".

Si tratta di un intervento legato alle misure a favore degli ex lavoratori del polo industriale di Ottana, provenienti in prevalenza dalle aziende tessili anche di Macomer. Tutto si ricollega all'intervento che riguardava 130 ex lavoratori che avevano terminato la mobilità ordinaria nel 2016 e non avevano fatto in tempo a presentare la domanda di mobilità in deroga. Dai benefici di questa legge erano stati esclusi 36 dei 130 ex lavoratori perché non in regola con i requisiti previsti per poter presentare le domande, in quanto avevano terminato la mobilità ordinaria negli anni 2015 o 2017.

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...

}