OPINIONI - LEONARDO FILIPPI

Leonardo Filippi
Il commento

Il processo senza fine

I l Parlamento ha appena approvato, nella cosiddetta “legge spazzacorrotti”, anche la norma che abolisce la prescrizione dopo la sentenza di primo grado, ma, per la prima volta nella storia repubblicana, ha scatenato una netta opposizione da parte di tutti gli operatori del diritto, magistrati, avvocati e docenti universitari.

Solo l'ex pm di Mani pulite, Davigo, si è schierato a favore del blocco della prescrizione. Ma sia il Consiglio Superiore della Magistratura, sia l'Unione Camere penali italiane, sia ben 110 professori di diritto e procedura penale, hanno redatto tre pareri decisamente contrari allo stop della prescrizione, in cui espongono i motivi per cui la nuova legge è contraria alla Costituzione. Tali pareri sono stati inviati al presidente della Repubblica con richiesta di non promulgare la legge e di rinviare il testo della legge alle Camere con messaggio motivato, sollecitando una nuova deliberazione, così come prescrive l'art. 74 della Costituzione, e solo se le Camere approveranno nuovamente la legge, questa dovrà essere promulgata. È un'evenienza, questa, che si è verificata soltanto poche volte nella storia repubblicana. Ora la decisione spetta al Quirinale, che avrà un mese di tempo per decidere.

In effetti, la nuova disposizione che esclude la prescrizione dopo la sentenza di primo grado, sia di assoluzione che di condanna, comporta che, dopo il primo giudizio (che già interviene a distanza di molti anni dal fatto), l'imputato diventi un eterno giudicabile, cioè il processo può durare all'infinito. (...)

SEGUE A PAGINA 41

© Riproduzione riservata

COMMENTI

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...