#CARAUNIONE

La lettera del giorno

"Cesare Battisti e l'imbarazzato silenzio della sinistra italiana"

"Decine di scrittori e artisti, in passato, firmarono un manifesto a favore dell'intellettuale dalla penna lesta e dal grilletto facile"
cesare battisti al rientro in italia (ansa)
Cesare Battisti al rientro in Italia (Ansa)

"Gentile redazione,

nel 1993, Cesare Battisti venne condannato all'ergastolo per quattro omicidi volontari. Eppure Cesare Battisti è stato il terrorista più difeso e protetto nel mondo, ma soprattutto in Italia.

Nel 2004 decine di scrittori e artisti firmarono un manifesto a favore dell'intellettuale dalla penna lesta e dal grilletto facile.

Firmarono scrittori e artisti di rilievo come Bernard Henry Levy, Valerio Evangelisti, Tiziano Scarpa, Daniel Pennac, Fred Vargas. A spiccare su tutti, il noto vignettista tuttologo Vauro Senesi e lo scrittore Roberto Saviano. Se i difensori ideologici dell' ex Proletario Armato per il comuninismo generalmente chiacchieroni, ora stanno muti, a compensare il palese imbarazzato silenzio ci ha pensato l'intellettuale Piero Sansonetti che su Twitter ha espresso disappunto per il clima di festa davanti alla notizia della cattura di Cesare Battisti.

A lamentarsi del clima forcaiolo e festaiolo per la cattura del loro beniamino è stata tutta la sinistra italiana. Come da protocollo e da spirito di corpo, per i nostalgici di Stalin, un compagno che sbaglia (e pure di grosso), è pur sempre un compagno. Chapeau!"

Gianni Toffali - Dossobuono di Verona

***

Potete inviare le vostre lettere e segnalazioni a redazioneweb@unionesarda.it specificando il vostro nome e cognome e un riferimento telefonico. Nell'oggetto dell'email chiediamo di inserire la dicitura #CaraUnione.

(La redazione si limita a dar voce ai cittadini che denunciano disservizi o anomalie e non necessariamente ne condivide il contenuto)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...