Villaservice, futuro incerto e tagli alle ditte esterne È nuvoloso il futuro dell'impianto per il trattamento dei rifiuti di Villacidro. A gennaio era stato annunciato il ruolo centrale che lo stabilimento avrebbe avuto all'interno del Piano Regionale dei rifiuti, ma oggi questa ipotesi sembra essere diventata solo un miraggio.

Secondo quanto trapela da fonti interne dell'ambiente dei lavoratori, infatti, la Villaservice avrebbe annunciato l'intenzione di voler chiudere una parte dell'impianto. In particolare, il blocco interesserebbe l'area in cui si lavora l'umido, e il poco rifiuto organico prodotto in questo periodo di coronavirus sarebbe trattato in un'altra area dell'impianto.

La possibile chiusura è stata al centro di un incontro "riservato" - nel senso che non è stato aperto ai lavoratori o a una delegazione di questi - avvenuto alcuni giorni fa tra i tre sindacalisti Stefano Melis, Rossano Loi, Antonio Silanos e il presidente, Franco Gioi, e il direttore dell'impianto, Massimo Cortese, della Villaservice. I dettagli sul confronto non sono stati resi noti, ma da quanto si apprende si è parlato della salvaguardia dei posti di lavoro. Perché, come è facile immaginare, la chiusura di una parte dell'impianto se da un lato porterebbe un notevole risparmio dal punto di vista di consumi di elettricità e acqua, dall'altro causerebbe il taglio degli occupati, se non in maniera diretta, almeno indiretta. Una ventina di persone dipendenti delle ditte esterne che lavorano per la Villaservice potrebbero diventare superflue e altrettante famiglie rimarrebbero senza stipendi, in un periodo già difficile a causa dell'emergenza legata al Covid-19.

La targa all

Nel corso del confronto sindacati-azienda non si sarebbe fatto riferimento a pensionamenti o a tagli del personale, ma di sicuro i dipendenti dovranno sacrificarsi per sopperire alla mancanza della manodopera che arriva dalle ditte esterne. I lavoratori, dal canto loro, pur di salvaguardare l'occupazione, sono pronti a questo sacrificio, anche ad un taglio del salario, sempre che non riguardi solo loro, ma anche chi percepisce stipendi ben più alti, negli uffici dirigenziali dell'azienda.

Le problematiche emerse durante il confronto tra sindacati e azienda verranno trattate in una video conferenza prevista per domani alle 16 con tutti Comuni soci della Villaservice. Non siamo riusciti a contattare telefonicamente il presidente della Villaservice Franco Gioi quindi impossibile conoscere la sua versione.
© Riproduzione riservata