POLITICA

il vertice

Dl Sicurezza, verso l'accordo nel governo: le multe alle ong scendono a 560 euro

Il ministro Lamorgese propone di tagliare l'entità delle sanzioni per le organizzazioni non governative
il premier giuseppe conte (archivio l unione sarda)
Il premier Giuseppe Conte (archivio L'Unione Sarda)

Una sostanziale condivisione di massima è emersa in serata - secondo quanto si apprende da fonti vicine al governo - sulla bozza di decreto che supera i Dl sicurezza voluti da Matteo Salvini presentata dal ministro dell'Interno Luciana Lamorgese agli esponenti di maggioranza riuniti al Viminale.

Alla riunione di oggi - la quarta della serie - seguirà un'altra la settimana prossima per mettere a punto gli ultimi dettagli.

La previsione è quella di un accordo politico sul testo a breve con presentazione del decreto però a settembre, per evitare che non si faccia in tempo a convertirlo in estate.

Tra i punti ancora da limare c'è quello delle multe alle navi ong. Il testo del ministro elimina quelle che sfiorano il milione di euro di Salvini e trasforma l'illecito da penale ad amministrativo, applicando il Codice della navigazione: due anni di reclusione e 516 euro di multa. L'attuale norma prevede anche il sequestro immediato dell'imbarcazione e l'arresto per il comandante.

Il Movimento 5 Stelle vorrebbe tornare invece alla prima formulazione del Dl Salvini: sanzione da 10 a 50mila euro. La mediazione potrebbe essere quella di aumentare la multa rispetto ai 516 euro, riportando però l'illecito nel campo del penale, lasciando così che sia il giudice e non il prefetto a decidere.

"Quella di oggi è stata una riunione fondamentale. Abbiamo lavorato su un nuovo testo messo a punto dal ministro Lamorgese costruito sulla base delle proposte che i vari Gruppi di maggioranza hanno avanzato nei precedenti incontri. Mancano ormai solo alcuni particolari", ha fatto sapere il viceministro dell'Interno, Matteo Mauri, al termine del vertice.

"I prossimi giorni - spiega Mauri - saranno utili per approfondire alcuni aspetti tecnici da parte delle forze politiche, che verranno affrontati nella riunione della settimana prossima. Mentre si decide come cambiare in profondità le norme propagandistiche volute da Salvini, che hanno creato molti problemi, il Viminale sta ricostruendo un rapporto diverso e positivo con l'Europa e i Paesi del Nord Africa in tema di immigrazione".

(Unioneonline/F)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...

}