CRONACA - ITALIA

torino

Uccide il figlio di 11 anni e si spara: "Vendetta contro la ex compagna"

"Partiamo per un lungo viaggio dove nessuno ci potrà dividere, lontani da tutto, lontani dalla sofferenza"
il pap con il figlio (foto facebook)
Il papà con il figlio (foto Facebook)

Tragedia nella notte in un'abitazione di via Beltramo a Rivara, nel Torinese.

Un 47enne italiano, operaio di un'azienda meccanica, ha ucciso il figlio di undici anni con una pistola detenuta non legalmente. Poi si è tolto la vita con la stessa arma.

L'allarme è scattato poco prima delle due, gli accertamenti sull'episodio sono stati effettuati dai carabinieri della Compagnia di Venaria Reale.

IL POST - Claudio Baima Poma avrebbe ucciso il figlio Andrea per vendetta, è quanto si evince da un post su Facebook pubblicato poco prima dell'omicidio e rivolto alla ex compagna.

"D'ora in poi Iris potrai goderti la tua vita in solitaria come hai sempre voluto fare", ha scritto.

"Quando abbiamo iniziato a convivere ero l'uomo più felice al mondo, poi è arrivato Andrea, il nostro sogno. Tutto bellissimo fino a quando ho iniziato ad avere problemi di schiena e un danno permanente a una gamba. Una settimana prima mi avevi chiesto di sposarti, poi ti sei allontanata. Ho rischiato di perdere l'uso delle gambe, sono caduto in depressione, sono stanco dentro e ho la mente distrutta".

Infine parla del figlio: "Non potevo stare senza di lui, e nemmeno lui senza di me, partiamo per un lungo viaggio dove nessuno ci potrà dividere. Lontani da tutto, lontani dalla sofferenza".

Un post che non era passato inosservato: è stata un'amica dell'uomo infatti, una volta letto il messaggio in cui l'operaio annunciava i suoi propositi, a chiamare il 112. Ma non è bastato, quando i carabinieri hanno raggiunto la casa il terribile delitto si era già consumato.

"VIGLIACCO" - "Vigliacco, ha dato colpe a me di cose che lui non era in grado di affrontare". E' disperata la mamma del piccolo Andrea, andata a vivere poco distante dalla villetta in cui si è consumata la tragedia. "Oggi pomeriggio doveva tornare da me, sembrava tutto normale. Loro erano molto legati, al massimo pensavo potesse fare del male a me, ma non a nostro figlio".

(Unioneonline/L)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...

}