CRONACA - ITALIA

brescia

Imprenditore svanito nel nulla, due nipoti accusati del delitto

Di Mario Bozzoli non si è più saputo nulla, neanche il corpo è mai stato ritrovato
la fonderia (ansa) e nel riquadro mario bozzoli (archivio l unione sarda)
La fonderia (Ansa) e nel riquadro Mario Bozzoli (Archivio L'Unione Sarda)

Nel 2015 è scomparso misteriosamente, senza lasciare traccia, ma da subito familiari e inquirenti hanno pensato a un orribile delitto. A distanza di quasi quattro anni la Procura generale di Brescia ha chiuso ora le indagini relative al caso di Mario Bozzoli, imprenditore di Marcheno.

E i nipoti Alex e Giacomo Bozzoli sono accusato di omicidio. Nei guai anche, per favoreggiamento, due operai.

La sera dell'8 ottobre 2015, la vittima era attesa per cena dalla moglie, ma non è mai tornato a casa. Era in fonderia, quella di cui era titolare insieme al fratello. Ed è lì che si erano concentrate le prime ricerche.

Le telecamere non avevano inquadrato Bozzoli uscire dall'azienda, così come la sua auto, e i vestiti per cambiarsi erano rimasti nello spogliatoio. Ma la tesi iniziale secondo la quale sarebbe stato ucciso e gettato nel forno non ha mai trovato riscontri certi. Sembra infatti che sia stato portato fuori dai cancelli della fabbrica in qualche modo e il suo corpo non è mai stato ritrovato.

Poi le indagini e i riscontri ai rapporti tesi con alcuni parenti, fino all'iscrizione dei nipoti nel registro degli indagati.

(Unioneonline/s.s.)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...