CRONACA SARDEGNA - OGLIASTRA

la vicenda

Perdasdefogu, "topi a scuola". Il dirigente: "Nessuno degli studenti ci ha avvisati"

Botta e risposta tra studenti e dirigente scolastico dell'Ipsia di Perdasdefogu
un topo nella scuola di perdasdefogu (foto inviata da uno studente)
Un topo nella scuola di Perdasdefogu (foto inviata da uno studente)

Avvistamento di topi all'Ipsia di Perdasdefogu. A segnalarlo alla redazione - via WhatsApp - sono alcuni studenti, secondo i quali "i dirigenti scolastici, tra cui il preside, si rifiutano di procedere con la disinfestazione".

Il motivo? "Per loro la situazione non è allarmante, mentre a contatto con i ratti e con le loro feci sappiamo che possiamo contrarre delle malattie".

Il dirigente scolastico reggente dell'istituto professionale industria e artigianato che dipende dal Busico di Jerzu, Antonio Piroddi, ha però spiegato: "La disinfestazione la facciamo tutti gli anni, ed è stata fatta anche quest'anno. Né a me né ai miei collaboratori gli studenti hanno segnalato la presenza di topi. È chiaro che sia nostra la responsabilità di garantire l'agibilità della scuola in qualunque momento sia per quanto riguarda la pulizia che per quanto concerne il decoro o altre questioni come per esempio il riscaldamento, non sottovalutiamo mai questi problemi".

"Ma - precisa - non mi risulta che in questo periodo ci siano stati avvistamenti di ratti. Non lo escludo, qualcuno può capitare, ma nessuno dei ragazzi è venuto da me o dai miei collaboratori per spiegare l'accaduto. Altrimenti ci saremmo attivati immediatamente con trappole o altri modi consigliati dagli esperti della materia".

A conferma di quanto spiegato da Piroddi, i ragazzi hanno ammesso di "aver gestito male la situazione" in quanto "avremmo dovuto scrivere una lettera formale al dirigente. Per questo - dicono ancora - chiediamo scusa al diretto interessato a nome di tutta la scuola".

Sabrina Schiesaro

(Unioneonline)

(Potete inviare i vostri video, foto e news a L’Unione Sarda su WhatsApp al numero 335.1546482)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

PIÙ LETTI
Loading...
Caricamento in corso...