ECONOMIA

dalla regione

Lingua blu, in arrivo gli indennizzi per gli allevamenti colpiti

Previsti 50 euro per ogni capo morto di "blue tongue". Appello Coldiretti: "I Comuni liquidino al più presto i pastori"
immagine simbolo (pixabay)
Immagine simbolo (Pixabay)

Indennizzi in arrivo per gli allevatori che hanno visto il proprio bestiamo colpito da lingua blu.

La Regione ha infatti sta infatti erogando i risarcimenti ai due terzi del Comuni interessati, mentre per gli altri si attende ancora il trasferimento di tutta la documentazione.

"Si tratta - si legge in una nota di Coldiretti - degli oltre 4,7 milioni di euro in cui è previsto 50 euro di indennizzo forfettario per ogni capo morto e 3 euro per ogni capo presente nell’azienda in cui è stato dichiarato il focolaio".

"Denari - prosegue il comunicato - che sono stati stanziati per le perdite e maggiori spese, e per le pecore morte dall’ondata della lingua blu dello scorso anno causate dal sierotipo 4 diffusosi inizialmente in Ogliastra per poi raggiungere gran parte del territorio Regionale. Epidemia che aveva interessato circa 850mila capi con circa 36mila di questi, morti".

“Ci appelliamo ai Comuni – dichiara il presidente di Coldiretti Sardegna Battista Cualbu – affinché liquidino celermente i pastori che hanno subito danni ingenti dalla blu tongue lo scorso anno non solo con la perdite dei capi morti ma anche con il mancato reddito di quelli colpiti dall’epidemia e le maggiori spese sostenute per contrastarla".

Allo stesso tempo, fa eco il direttore di Coldiretti Sardegna Luca Saba "chiediamo a quelle amministrazioni che ancora non hanno espletato tutto l’iter burocratico di farlo immediatamente per consentire ai pastori di poter ricevere il l’indennizzo. Come ben sanno, essendo quotidianamente a contatto con i pastori, il settore sta attraversando annate negative dovute alle condizioni climatiche avverse e alle speculazioni che avvengono nel mercato, per questo è fondamentale non prorogare i tempi".

(Unioneonline/l.f.)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

PIÙ LETTI
Loading...
Caricamento in corso...