#CARAUNIONE

La lettera del giorno: "Disabili a scuola a Sassari con l'ambulanza: un errore?"

immagine simbolo (archivio unione sarda)
Immagine simbolo (archivio Unione Sarda)

Pubblichiamo oggi la segnalazione di un gruppo di associazioni operanti a Sassari e che denunciano la decisione della Provincia di affidare, per la tratta Sorso-Sennori, il traposto dei disabili a scuola ad una cooperativa che utilizza ambulanze.

***

"Gentile redazione,

abbiamo appreso con stupore e incredulità che il nuovo appalto per il trasporto scolastico degli alunni con disabilità presso gli istituti superiori di Sassari è stato in parte affidato dalla Provincia, per la tratta Sorso - Sennori, ad una cooperativa che utilizza ambulanze o pulmini con sembianze da ambulanza per andare a prendere i ragazzi a casa ed accompagnarli a scuola e ritorno.

In ambulanza. A scuola in ambulanza.

Tecnicamente potrebbe anche essere tutto normale, le ambulanze sono mezzi attrezzati per il trasporto di persone disabili con conducente. Quello che a noi appare gravissimo è che sia considerato normale che a gestire una parte del servizio sia una cooperativa che si occupa di emergenza e 118, che lo faccia con ambulanze e non con normali pulmini multiposto attrezzati. Il tutto con personale vestito da servizio di ambulanza, pettorine e abbigliamento connesso. Che tanto tra disabilità ed emergenza c'è sempre un legame inscindibile, no?

Quello che appare grave è che per un ragazzo o una ragazza con disabilità che va alle scuole superiori possa essere considerato normale arrivare davanti all'istituto scolastico con zainetto e giubbotto, scendere dall’ambulanza ed incontrare i compagni, il tutto tra gli sguardi attoniti dei compagni di scuola.

Questa cosa è pericolosissima e grave per l'equilibrio interiore dei ragazzi e delle ragazze disabili, che si vedono medicalizzati ed ancora più allontanati dal gruppo dei pari. Gli effetti negativi sono stati già percepiti da diversi genitori. Questa cosa vanifica mille sforzi di inserimento e integrazione fatti ogni giorno a scuola e fuori dalla scuola, come si fa a non capirlo?

Vogliamo pensare che sia un fatto momentaneo, un errore di valutazione, che qualcuno sbadatamente non abbia riflettuto sulla portata di relazione e mancata inclusione di questa scelta e che si sia ancora in tempo per cambiare, perché giustamente molte famiglie di fronte a questa assurdità stanno scegliendo di rinunciare al servizio, pur di non costringere i loro figli ad una mortificazione del genere.

Chiediamo alla Provincia di Sassari precisazioni su questo increscioso fatto e di intervenire quanto prima per una celere risoluzione, ricordando che il servizio di trasporto scolastico è un diritto esigibile strettamente legato al diritto allo studio; non tutte le famiglie infatti, potrebbero essere nelle condizioni di rinunciarvi e non per questo devono trovarsi costrette ad utilizzare un servizio a nostro avviso discriminatorio e potenzialmente dannoso per le condizioni psicofisiche di studenti già provati da una disabilità.

Certi di una favorevole esito di questa nostra comunicazione, attendiamo notizie dagli uffici competenti in materia".

Sensibilmente Onlus

UILDM Sezione di Sassari

Abc Sassari

Comitato famiglie per la 162

A.N.P.A SARDEGNA ONLUS

Aima Sassari

Afarp Sassari

UFHa Unione Famiglie Handicappati ONLUS

UICI Sassari

ANMIC Sassari

***

Potete inviare le vostre lettere e segnalazioni a redazioneweb@unionesarda.it specificando il vostro nome e cognome e un riferimento telefonico. Nell'oggetto dell'email chiediamo di inserire la dicitura #CaraUnione.

(La redazione si limita a dar voce ai cittadini che denunciano disservizi o anomalie e non necessariamente ne condivide il contenuto)

© Riproduzione riservata


UOL Unione OnLine

COMMENTI

Sottoscrivi l'unione sarda
abbonati a L'Unione Sarda'
PIÙ LETTI
Loading...
Caricamento in corso...