ECONOMIA

Oristano e l'Unione dei Giganti scommettono sulla programmazione territoriale

il sindaco di oristano andrea lutzu
Il sindaco di Oristano Andrea Lutzu

Oristano scommette insieme ai Comuni dell'Unione Costa del Sinis Terra dei Giganti (Cabras, San Vero Milis, Riola, Narbolia e Baratili San Pietro) sulla programmazione territoriale.

In ballo ci sono circa 20 milioni di euro di fondi regionali. Come ha detto il sindaco Andrea Lutzu il progetto di punta è la riqualificazione del lungomare di Torregrande: previsto il prolungamento della zona dal terzo pontile fino al porticciolo turistico, l'adeguamento degli accessi al mare, la sistemazione delle alberature e la realizzazione di una pista ciclabile che collegandosi al parco Phoinix arriverebbe fino a San Giovanni.

Un progetto ambizioso a cui si aggiungono quello per la riqualificazione di piazza Ungheria, la piazza della stazione ferroviaria che, in vista della realizzazione del centro intermodale e dei progetti di Oristano est, necessita di interventi di recupero.

Ancora per la tematica del sociale si è pensato alla riqualificazione della ludoteca di Torangius, mentre sul fronte dello sport si punta a fare di Oristano il polo degli sport per i disabili rendendo la pista di atletica e il palazzetto accessibili a tutti (gli altri impianti sono già a norma).

A questi si aggiungono i due progetti, proposti dai consiglieri del Pd con 2 emendamenti per realizzare una rotatoria davanti all'ospedale all'incrocio con via D'annunzio per migliorare l'accessibilità alla zona sportiva, e per l'acquisizione dell'ex vivaio forestale Grantorre che potrebbe essere utilizzato in chiave ambientale, educativa e turistica anche perché sorge vicino al fiume.

Valeria Pinna

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

PIÙ LETTI
Loading...
Caricamento in corso...