CRONACA SARDEGNA - MEDIO CAMPIDANO

Il saluto

Villamar, il presidente Atzeni dopo 12 anni lascia la Pro Loco: "Continuate a collaborare con tutti"

"C'era bisogno di un rinnovamento interno all'associazione. Lasciamo spazio ai giovani"
il presidente uscente della pro loco di villamar durante una sfilata di carnevale (foto pintori)
Il presidente uscente della Pro loco di Villamar durante una sfilata di Carnevale (foto Pintori)

"In dodici anni abbiamo collaborato con tutte le associazioni del paese".

È questo il risultato più importante raggiunto dal 2008 a oggi dall'associazione turistica Pro Loco di Villamar per il presidente uscente Gianluca Atzeni, 48 anni, che ha scelto di lasciare l'incarico e il consiglio direttivo e di non ricandidarsi alle ultime elezioni.

L'assemblea dei soci ha scelto come nuovi componenti del consiglio direttivo Mauro Lilliu, Giampiero Mereu, Claudia Pinna, Pierpaolo Porcu e Salvatore Sanna.

Perché ha deciso di mollare?

"C'era bisogno di un rinnovamento interno all'associazione. Da tante parti si dice: lasciamo spazio ai giovani. Ma poi nessuno, nel concreto, lo fa".

Chi vedrebbe come nuovo presidente?

"Vedo come mio successore Mauro Lilliu, un ragazzo serio e giovane, che ha lavorato al mio fianco per tanti anni e conosce bene anche gli aspetti organizzativi delle varie manifestazioni".

Come è cambiata la Pro loco di Villamar in questi ultimi dodici anni?

"Abbiamo iniziato dopo quattro anni di commissariamento. Per noi è stata una vera scommessa. Volevamo riunire il paese e collaborare con tutti. Ci siamo riusciti".

Come?

"Abbiamo sempre tenuto fuori la politica dalla Pro loco e collaborato con qualsiasi associazione per il bene del paese. Né interessi politici, né interessi privati o commerciali, abbiamo cercato di sostenere e aiutare tutte le attività di Villamar".

Avete collaborato anche con i comitati delle feste paesane.

"All'inizio non erano ben disposti nei nostri confronti. Poi hanno capito l'importanza del nostro sostegno e anche la Pro loco ha contribuito a far crescere le feste paesane".

Il risultato più importante raggiunto?

"Aver fatto crescere il nostro Carnevale, diventato uno dei più importanti del territorio".

Il rimpianto?

"Avevamo lanciato la fiera dell'artigianato edile, poi messa da parte a malincuore, per mancanza di fondi e per la crisi del settore".

Un consiglio al nuovo direttivo.

"Essere umili e continuare nella strada già percorsa: collaborare con tutti. E pensare anche a una nuova manifestazione importante, che dia ancora più lustro a Villamar".

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...

}